Archivi categoria: Protezione civile

Ecco “Cittadino informato”: l’app della protezione civile

Il Comune di Carmignano ha aderito alla piattaforma CITTADINO INFORMATO, una webgis che Anci Toscana ha messo a disposizione di tutti gli enti locali, in collaborazione con Regione Toscana, per comunicare alla popolazione non soltanto gli stati di allerta in corso, ma anche i principali contenuti del Piano di Protezione Civile Comunale. La piattaforma è fornita sotto forma di app e di sito internet. Quindi ogni cittadino può scaricare gratuitamente la app dai market Apple e Android, e tenersi aggiornato sugli stati di allerta nel nostro territorio e nel resto della regione e non solo. Anzi, i veri punti di forza sono due. Il primo è che grazie alla collaborazione con la Regione, saranno divulgate informazioni sia su aree a rischio e zone sicure da raggiungere in caso di calamità naturale, sia sui comportamenti da tenere per ogni tipologia di rischio. E il secondo è che le amministrazioni comunali potranno inviare segnalazioni o avvisi anche di generica pubblica utilità, comprese quelle relative ai Consorzi di Bonifica e alle aziende del servizio idrico integrato.

“Siamo veramente orgogliosi di poter fornire ai nostri cittadini un servizio così utile e allo stesso tempo semplice da usare – spiegano il Sindaco Edoardo Prestanti e l’Assessore alla Protezione Civile Stella Spinelli -. La diffusione della Cultura di Protezione Civile è da sempre la nostra priorità e continueremo a investirci risorse ed energie per il benessere e la sicurezza di tutti”.

Mascherine e un libro: in arrivo il dono per anziani e ragazzi

Nei prossimi giorni tutti i cittadini del comune di Carmignano con età superiore a 70 anni riceveranno per posta due mascherine FFP2. Già durante la distribuzione delle mascherine effettuata nei mesi scorsi per tutta la popolazione, agli over 70 erano state mascherine FFP2 anziché mascherine chirurgiche, per offrire uno strumento di maggiore protezione alla categoria di persone più a rischio.

Insieme alle mascherine, verrà spedita anche una copia del libro “Cronache di poveri diavoli” di David Ceccarelli, vignettista pratese riconosciuto ormai a livello nazionale. Il volume racconta tramite vignette ironiche il periodo del lockdown dello scorso anno.

“In un tempo difficile come quello che stiamo vivendo – commenta il sindaco Prestanti – crediamo che donare un sorriso sia importante quanto donare protezione. Per questo alle mascherine abbiniamo questo libro che può dare un momento di buonumore alle persone più anziane, che proprio perché sono una delle categorie più a rischio, sono fra quelli che hanno avuto meno possibilità di uscire di casa e di vivere le attività quotidiane cui erano abituati”.

Entro fine mese, anche i bambini e ragazzi del territorio comunale riceveranno le mascherine in dono dal Comune. In questo caso si tratta di mascherine lavabili e riutilizzabili, che sono attualmente in corso di produzione e che verranno consegnate dai volontari della protezione civile nelle prossime settimane.

Lo sportello “Ti ascolto” proseguirà fino a fine anno

Proseguirà fino a dicembre 2020 il servizio gratuito dello sportello “Ti ascolto”, cominciato lo scorso 12 aprile grazie alla disponibilità della dottoressa Alice Palloni, psicoterapeuta che per due giorni alla settimana ha ascoltato le problematiche dei cittadini nate a causa del Covid-19. Lo sportello d’ascolto psicologico è nato con l’obiettivo di intercettare i bisogni dei cittadini, promuovere azioni di prevenzione, attivare risposte utili per accompagnare le persone fragili o in difficoltà, verso il recupero della propria autonomia.

“Ho registrato numerose chiamate da parte degli abitanti del comune – spiega la dottoressa – che hanno messo in evidenza sia il peggioramento delle situazioni emotive di chi soffriva di disturbi pregressi, sia l’insorgere di nuove situazioni di angoscia e forte preoccupazione per la situazione critica in atto”. La percentuale maggiore delle telefonate sono pervenute dal pubblico femminile, tra i 20 e i 65 anni, ma le richieste d’assistenza psicologica hanno visto protagoniste diverse tipologie di persone. Disoccupati, casalinghe e giovani madri, ma anche pensionati, studenti universitari ed operatori di RSA. L’incertezza economica per il futuro è la preoccupazione più diffusa, tuttavia i motivi delle chiamate hanno spaziato dall’ansia e paura per la salute al senso di abbandono e solitudine. “Qualcuno ha telefonato perché positivo al Covid-19 e in questi casi il problema principale era la difficoltà ad avere la giusta assistenza sanitaria”, aggiunge Alice Palloni. “Con le varie problematiche emerse dalle telefonate, il mio aiuto è stato mirato a cercare di stimolare le persone a trovare delle risorse dentro loro stesse. Le ho aiutate a ricontattare i propri sogni e desideri e ad affrontare il dolore ed il vuoto con una modalità diversa da quella di sentirsi vittima della situazione”.

Il servizio è nato nella situazione di piena emergenza, come misura di protezione civile, ma viste le numerose telefonate pervenute, la psicoterapeuta terrà attivo lo sportello almeno fino alla fine dell’anno. Da ora “Ti ascolto” sarà attivo una volta alla settimana, ogni mercoledì, e sarà possibile usufruire di due telefonate gratuite della durata di 30 minuti. Per prenotare l’appuntamento, è necessario chiamare il numero 334.5080915.

“Nel periodo di lockdown – commenta l’assessore alla protezione civile Stella Spinelli – questo servizio si è rivelato fondamentale. L’emergenza in cui ci siamo trovati ha colpito duramente molti aspetti della vita delle persone e il supporto psicologico ha acquisito una rilevanza particolare. Purtroppo tante difficoltà e questioni emerse in queste settimane avranno conseguenze lunghe e per questo ringrziamo Alice Palloni per la disponibilità a mantenere attivo lo sportello nei prossimi mesi. Tante situazioni sociali che si sono generate a causa del Covid-19 troveranno qui una prima risposta da cui ripartire”.

Al via la distribuzione porta a porta delle mascherine

E’ iniziata la seconda distribuzione porta a porta delle mascherine a tutte le famiglie del territorio. A distribuirle casa per casa, frazione per frazione, i volontari della Protezione Civile comunale e delle Misericordie, che suoneranno tutti i campanelli per avvisare dell’avvenuta consegna. I kit sono da 4, 8 o 12 mascherine, in base al numero dei componenti di ogni nucleo familiare (4 mascherine per le persone sole; 8 per le famiglie fino a sei componenti; 12 per i nuclei più numerosi). L’amministrazione sta inoltre provvedendo all’acquisto di mascherine lavabili, più allegre e colorate, da consegnare a tutti i minori del territorio.

La distribuzione ha preso il via dalle frazioni più piccole: coloro che a metà della prossima settimana, per qualche disguido, non dovessero aver ricevuto il kit, possono contattare il Comune o la sede dell’associazione territorialmente più vicina (Vab Colline Medicee, Misericordia di Seano, Misericordia di Carmignano, Assistenza Medicea di Comeana). Una volta coperte le frazioni più piccole si passerà alla distribuzione anche nei grandi centri. Nessuno resterà senza.

“Abbiamo dovuto aspettare un po’ prima di procedere con la consegna porta a porta in quanto ancora non avevamo a disposizione una fornitura sufficiente tale da coprire l’intero territorio – ha precisato l’assessore alla Protezione Civile Stella Spinelli -. Le mascherine che stiamo distribuendo porta a porta sono frutto di donazioni arrivate in questo periodo dal momento che la Regione, dopo l’invio di un primo quantitativo di dispositivi, ha cambiato strategia prediligendo il canale delle farmacie. Grazie a tutti coloro che hanno fatto le donazioni, grazie ai dipendenti comunali che hanno imbustato le mascherine, e alla rete di Protezione Civile comunale che sta procedendo con la distribuzione”. Infine una raccomandazione “Ricordo ancora una volta a tutti che l’uso della mascherina è obbligatorio in tutti gli spazi chiusi aperti al pubblico, sia pubblici che privati; nei mezzi di trasporto pubblico, nei taxi e nei mezzi a noleggio con conducente; negli spazi aperti in presenza di più persone; in auto se si viaggia con persone non conviventi – ha aggiunto il sindaco Edoardo Prestanti – . Una volta utilizzata, la mascherina va smaltita in modo corretto, va quindi conferita nei rifiuti indifferenziati”.

Pranzo solidale diffuso per il 1° maggio: a consegnare i pasti la Protezione civile comunale

Sarà un primo maggio diverso, niente pranzi di gruppo, niente concerti in piazza. I circoli Arci del territorio, in occasione della Festa dei Lavoratori, vogliono però abbracciare tutti i carmignanesi e hanno così deciso, grazie all’ausilio della Protezione civile comunale, di offrire un pranzo solidale diffuso. Un’iniziativa, patrocinata dal Comune di Carmignano, volta a mandare un messaggio di solidarietà a chi è solo in questo periodo difficile. L’idea è dunque quella di restare tutti a casa pranzando insieme, ma distanza. I circoli Arci di Carmignano, Seano, Comeana, Bacchereto e Poggio alla Malva grazie anche alla collaborazione della Coop Bisenzio Ombrone che fornirà alcune pietanze, prepareranno i pasti (massimo 200). La Protezione civile comunale consegnerà poi i pasti a chi ne farà richiesta. Le iscrizioni dovranno essere fatte entro lunedì 27 aprile. Per avere ulteriori informazioni e per iscriversi è possibile chiamare Doriano al numero 334 6833682 o Linda al numero 339 2023406.

Ancora tante donazioni a Comune e associazioni del territorio

In questo periodo particolarmente delicato per il nostro paese continuano ad arrivare anche al Comune di Carmignano numerose donazioni per fronteggiare l’emergenza. Mascherine, tute e guanti a norma di legge, disinfettanti e detergenti: materiale vario che viene tutto gestito dalla Protezione civile di Carmignano, che lo sta donando di volta in volta a chi più ne ha bisogno.

Tra le ultime donazioni arrivate, ci preme ringraziare Roberto Lunghi che ha donato numerose mascherine riutilizzabili in cotone. E poi ancora Paolo Parenti, che ha convertito la produzione della sua azienda e ha donato al Comune 1.250 mascherine. Grande la generosità anche delle associazioni culturali e commerciali cinesi, che hanno consegnato un ingente quantitativo di mascherine, oltre a detergenti e disinfettanti per mani e superfici.

Numerose inoltre le donazioni fatte da alcune associazioni del territorio alla Misericordia di Seano e di Carmignano e all’Assistenza Medicea di Comeana: l’Avis sezione di Carmignano ha donato un ingente quantitativo di sanificatori e dispositivi di protezione individuale; l’associazione Amici di Ambra ha consegnato numerose mascherine chirurgiche a norma di legge; la Pro Loco di Carmignano ha regalato alle associazioni di pronto soccorso del territorio e a due case di riposo trecentocinquanta confezioni di gel alcolici e saponi detergenti.

La bellezza ci salverà, l’editoriale

il direttore
Stella Spinelli

Un nuovo giornale, un nuovo contenitore, serio e affidabile, dove trovare tutto ciò che c’è di utile e dilettevole a due passi da casa. Una voce autorevole di quel territorio che abbiamo scelto come Casa e che adesso, in questo esatto momento, è tutto ciò che ci è permesso avere, è tutto ciò di cui possiamo godere.

L’unica scelta concessaci, in tempi di pandemia, è infatti quella di migliorare quel che già abbiamo, e noi carmignanesi – diciamocelo –abbiamo già tanto. Da qui l’idea: radunare in un’unica fonte ben curata tutto quello che è importante sapere e tutto quello che è possibile fare e avere, in un momento tanto difficile.   

La bellezza salverà il mondo”, diceva Platone, e tutti noi ne siamo circondati, non scordiamolo, basta saper guardare. Basta tornare a guardare. Basta tornare a vedere con gli occhi di un bambino, gli occhi del cuore. Questa la vera sfida, ora. In nome della Vita, il Covid-19 ci costringe a rallentare, a fermare la frenesia e a restare nella nostra intimità, qualsiasi essa sia. È uno stop imposto e improvviso, che non dà il tempo di cambiare nulla di quello che è stato. È un fermo immagine che congela il presente, ma che dona un’immensità di tempo per cambiarlo questo presente, a partire da noi stessi. Questa la vera prova da affrontare. Cambiare il nostro essere, per migliorare quel che ci circonda. Quindi aiutiamoci, a partire da questo piccolo passo.  

Il Giornale di Carmignano sarà il giornale di tutti. Potrete suggerirci argomenti, condividere percorsi, immagini, iniziative o intuizioni che mirino a raccontare la nostra bella terra. Un’ottima chance per ingannare questo tempo in modo costruttivo e corale. Le vostre idee scrivetele a questo indirizzo mail, cammineremo insieme verso la Bellezza: ilgiornaledicarmignano@comune.carmignano.po.it

Mascherine a tutti i cittadini di Carmignano, ecco come verranno distribuite

E’ iniziata questo pomeriggio la distribuzione delle 34mila mascherine consegnate al Comune dalla Regione e destinate a tutti i cittadini di Carmignano. A consegnarle casa per casa, tramite il Centro Operativo Comunale, sono i volontari della Protezione civile comunale. Ad ogni nucleo familiare verrà consegnata una busta, che riporta il logo del Comune, al cui interno sono presenti quattro mascherine. Le buste verranno lasciate nella cassetta delle lettere, i volontari non entreranno dunque nelle abitazioni, i cittadini non dovranno aprire la porta di casa e andare incontro ai volontari, né tanto meno recarsi in Comune per ritirarle. La consegna è gratuita, i cittadini non devono controfirmare niente. 

“Le mascherine verranno consegnate a tutti i nuclei familiari presenti sul territorio, casa per casa, frazione per frazione. La distribuzione terminerà entro il fine settimana, nessuno resterà senza. Se qualcuno non dovesse ricevere, entro il fine settimana, la confezione con le mascherine, dalla prossima settimana potrà contattare il Comune e richiederle – ha dichiarato il sindaco Edoardo Prestanti -. Grazie ai volontari che si stanno adoperando per distribuire le mascherine su tutto il territorio, e grazie alla disponibilità dei dipendenti comunali che hanno aiutato nella preparazione delle confezioni”. E infine un appello: “Invitiamo tutti a farne buon uso. Ovviamente avere la mascherina non autorizza nessuno ad uscire. L’uso della mascherina non è un’alternativa alle restrizioni governative, che restano attive su tutto il territorio, ma consente di effettuare in sicurezza quelle uscite consentite dal Dpcm – ha aggiunto il Sindaco -. L’appello è sempre quello di restare a casa e uscire solo per motivi di comprovata necessità. Oggi più che mai non possiamo abbassare la guardia, per far scendere i contagi e contenere quindi la diffusione del virus è essenziale restare a casa”.