Archivi categoria: Ambiente

Torrente Furba: risanamento della frana e lavori alla pista ciclopedonale

È in corso il risanamento della frana che il maltempo ha causato, a fine febbraio, all’argine del torrente Furba a Seano. Grazie ad una segnalazione fatta dall’assessore all’ambiente Federico Migaldi, il Consorzio di Bonifica ed il Genio Civile hanno effettuato un sopralluogo per verificare la situazione ed hanno pianificato l’intervento di risanamento dell’argine. Il 23 marzo è arrivata l’autorizzazione idraulica ed il 24 è stato messo in moto il cantiere.

“Continua lo stretto rapporto di ascolto e di attenzione ai corsi d’acqua del Consorzio di bonifica su tutti i comuni del Medio Valdarno – commenta il Presidente del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno Marco Bottino – Con Carmignano anche in questo caso, abbiamo svolto un eccellente lavoro di squadra, insieme anche al Genio Civile, per arrivare presto e bene alla risoluzione della nuova criticità rilevata sul Furba, dove già abbiamo fatti diversi interventi di riqualificazione negli ultimi anni”.

Di pari passo, sono ripresi questa mattina i lavori su un altro tratto dello stesso argine, per la stesura del manto superiore della pista ciclopedonale. “Quest’estate avremo la possibilità di pedalare in tutta sicurezza sulla nuova pista ciclopedonale – afferma il sindaco Edoardo Prestanti – che vedrà in un prossimo futuro anche il collegamento con la pista del Poggetto, grazie alla passerella che verrà realizzata sul torrente. Il nostro lavoro sulla viabilità sostenibile si sviluppa su tutto il territorio e in parallelo sta andando avanti anche la realizzazione della ciclovia di Comeana”.

Sopralluogo con il Consorzio di Bonifica: in estate i lavori sul torrente Furba

Questa mattina il sindaco Edoardo Prestanti e l’assessore all’ambiente Federico Migaldi hanno effettuato un sopralluogo sul torrente Furba con Marco Bottino, presidente del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, ed un ingegnere del consorzio stesso. Lo scopo del sopralluogo è stato quello di iniziare la pianificazione degli interventi di manutenzione sul torrente, nel tratto che da via Valle va verso monte: una zona di particolare pregio per le antiche pescaie che intervallano il corso del torrente.

Gli interventi che verranno messi in programma vedranno una cura delle pescaie danneggiate dal tempo ed una pulitura dell’alveo del corso d’acqua dai rami e tronchi di alberi caduti, che potrebbero risultare pericolosi soprattutto in caso di piene. Questo tipo di interventi sono volti a mantenere intatta la bellezza del bosco e del torrente stesso, garantendo allo stesso tempo la fruibilità in sicurezza dei sentieri.

“Questo tratto del torrente Furba – sottolineano sindaco e vicesindaco – è particolarmente importante dal punto di vista paesaggistico. I numerosi sentieri che attraversano questo bosco sono frequentati regolarmente da chi fa trekking e da chi va in mountain bike. Alcuni punti necessitano di una manutenzione per salvaguardare l’area dal rischio idrogeologico, pertanto con il Consorzio di Bonifica interverremo in maniera mirata per mantenere al contempo la bellezza e la sicurezza. Siamo sempre più convinti che il turismo verde sia il turismo del futuro e il nostro territorio si presta perfettamente a questo tipo di turismo. Valorizzare la sentieristica è quindi una delle priorità in questa direzione, che si inserisce nei progetti di tutela ambientale a tutto tondo”.

Cresce la raccolta differenziata e si lavora per la ridurre la tariffa della tassa rifiuti

Negli ultimi anni la percentuale di raccolta differenziata sul territorio di Carmignano è cresciuta gradualmente, con un picco particolarmente positivo nel 2018 e una stabilizzazione molto buona negli ultimi due anni. Nello specifico, dal 2015 ad oggi, queste sono state le percentuali dei rifiuti differenziati rispetto al totale dei rifiuti prodotti nel comune:
-2015: 61,79%
-2016: 68,30%
-2017: 72,56%
-2018: 76,12%
-2019: 74,03%
-2020: 74,08%

Da sottolineare il fatto che il 2020, a causa della pandemia, è stato un anno nel quale sono aumentati i rifiuti totali, generati dalle misure di prevenzione del contagio (mascherine, guanti, gel igienizzanti, etc). Trattandosi per lo più di rifiuti che devono essere conferiti nell’indifferenziato, il fatto che la percentuale totale della raccolta differenziata sia comunque salita di qualche punto rispetto al 2019 è indice di una continua crescita della corretta differenziazione dei rifiuti.

Prendendo atto di questa considerevole crescita della raccolta differenziata, è intenzione del Comune di Carmignano far sì che i cittadini virtuosi, che con costanza negli anni hanno dimostrato il proprio impegno per la tutela dell’ambiente, vengano premiati con una diminuzione della tariffa della tassa sui rifiuti.

Anche per questo motivo, lo scorso novembre il Comune di Carmignano, insieme al Comune di Poggio a Caiano, ha scritto una lettera ad ATO Toscana Centro, Alia e Regione Toscana, in occasione dell’approvazione del Piano Finanziario per la gestione dei rifiuti urbani.

“Abbiamo voluto riportare il lavoro fatto negli ultimi dieci nani, in collaborazione tra amministrazione, gestore e cittadini”, spiega l’assessore all’Ambiente Federico Migaldi, approfondendo quanto chiesto nella lettera. “Dall’introduzione del porta a porta nel 2009 – spiega – al compostaggio domestico, alla raccolta separata del vetro alla deassimilazione degli scarti tessili. La richiesta è stata quella di continuare questa sinergia per arrivare alla introduzione di un sistema di tariffazione puntuale”.

La risposta di ATO a firma della sua presidente Cecilia Del Re è stata positiva: “Vi confermo l’intenzione di attivare un percorso che possa gradualmente introdurre un sistema di tariffazione puntuale in grado di rendere direttamente percepibile per i cittadini il collegamento tra la quantità e la qualità dei rifiuti conferiti e il corrispettivo pagato”.

“I dati ci mostrano come la raccolta differenziata sia cresciuta – commenta il sindaco Edoardo Prestanti – ma nonostante questo la tariffa è rimasta invariata. Il nostro obiettivo adesso è premiare i virtuosi: se i cittadini hanno dimostrato, e continuano a dimostrare, di prendersi cura dell’ambiente con una raccolta ben fatta, è giusto che gli venga riconosciuta una tariffa più bassa”.

Grafica rifiuti

“Faremoforesta Carmignano”: il progetto per Toscana Carbon Neutral

Il Comune di Carmignano ha presentato il proprio progetto al bando Toscana Carbon Neutral, messo in atto dalla Regione per abbattere drasticamente le emissioni di CO2 tramite nuove piantumazioni, in particolare nelle aree più urbanizzate ed industriali del territorio.
Il progetto si chiama “Faremoforesta Carmignano” e nasce per il miglioramento e la cura dell’ambiente nel territorio comunale, in aree accuratamente selezionate che necessitano maggiormente di un intervento di piantagione alberi e rigenerazione degli spazi verdi pubblici.

La sfida è emulare quei principi universali di ecologia che sostengono una struttura boschiva applicandoli di volta in volta alla scala definitiva dell’intervento così da ottenere a lavori compiuti maggior sostenibilità e resilienza del tutto. Per questo è stato scelto di non considerare una o poche aree verdi di intervento su cui mettere a dimora quanti più alberi possibile, ma piuttosto percorrere i tratti identitari del paesaggio di questo comune, selezionare porzioni di terreno in ambiti fortemente degradati, unirsi alle vie dell’acqua e alle presenze arboree esistenti, così da diversificare la tipologia di riforestazione urbana in base alle caratteristiche geomorfologiche e alle necessità ambientali. Il progetto segue le linee del progetto del Comune di Carmignano sulle vie dell’acqua, che rappresenta il punto di partenza per un piano che intreccia funzionalità urbanistica e valorizzazione ambientale. Seguendo questa visione parallela che da un lato vede lo sviluppo e la modernità di certe aree urbane che portano all’aumento dell’inquinamento e al crescente consumo di suolo, dall’altro invece la lungimiranza di certe scelte orientate alla sostenibilità e alla resilienza sociale e ambientale.

Il progetto prevede la piantumazione totale di 665 piante e si prevede che in 30 anni porterà all’assorbimento di 1260 tonnellate di CO2, 1335 chili di NO2 e 133 chili di PM2,5.
Sono previste 4 macroaree di intervento così definite:
1- AREA URBANA
2- AREA INDUSTRIALE
3- AREA SCOLASTICA/SPORTIVA
4- AREA RESIDENZIALE/SOCIALE

“Una delle caratteristiche principali di questo progetto – sottolinea il sindaco Edoardo Prestanti – è che andiamo a togliere asfalto e cemento per sostituirlo con gli alberi. Portiamo il verde dove ora c’è il grigio. L’area più pianeggiante del nostro comune è anche quella più industrializzata ed urbanizzata: con questo progetto puntiamo ad un futuro nel quale anche queste zone siano verdi come il resto del nostro territorio”.
“Il parco urbano previsto nell’area del capoluogo – aggiunge l’assessore all’Ambiente Federico Migaldi – è uno dei parchi tematici del grande progetto delle Vie dell’Acqua, che portiamo avanti da anni. Si tratta di una vera e propria ricucitura del territorio. Inoltre, abbiamo davanti anche un progetto sociale: l’orto di comunità a Seano vedrà la possibilità per vari cittadini di lavorare insieme allo stesso grande orto, a differenza dei classici orti sociali che prevedono solitamente un piccolo appezzamento per ogni persona. E nell’area delle scuole le piante da frutto potranno in futuro fornire frutta per la stessa mensa scolastica”.

Descrizione degli interventi nella relazione tecnica:

1- AREA URBANA: aree verdi pubbliche localizzate negli spazi urbani del capoluogo in cui la messa a dimora di nuovi esemplari arborei crea un nuovo corridoio ecologico fra il centro e il simbolo paesaggistico costituito dalla Rocca e integra in spazi aperti a fruizione pubblica con nuovi alberi e arbusti (area parcheggio pubblico in oliveto, spazi verdi Scuola secondaria di primo grado “Il Pontormo”, Viale Beato Giovanni Parenti).
In quest’area urbana si propone di inserire nelle aree libere dell’uliveto pubblico che circonda il parcheggio principale del capoluogo, alcuni arbusti (laurus nobili, Photinia, Phlomis, Viburnum, Spiraea, Rosmarinus, Lavandula, Spartium junceum, Arbutus unedo etc..) con lo scopo sia di aumentare il valore di biodiversità del luogo, sia per creare una connessione ecologica che unisce il capoluogo alla Rocca. Infatti, con la creazione di nuovi percorsi fra gli olivi, e la valorizzazione di quelli pedonali esistenti che salgono: strada vicinale del Lastrico e del Viuzzo, si dà vita ad una sinergia ambientale fra il luogo terrazzato ad ulivi simbolo del paesaggio di Carmignano e il versante del capoluogo ad est, oltre la rete viaria principale. Si propone inoltre la rigenerazione della scarpata in parte alberata e in parte nuda a prato, sotto viale Giovanni Beato parenti con la realizzazione di una Fruit Forest didattica negli spazi adiacenti alle Scuole Primarie e la copertura arbustiva tappezzante in aree oggi destinate semplicemente a prato. Ma oltre agli interventi di nuovi impianti, nell’area 1 URBANA è previsto anche la cura e la salvaguardia del monumentale filare di Platanus sp. su via G.Beato parenti con la rimozione di asfalto per circa 12,5mq per ogni esemplare intorno al colletto degli alberi, sostituita con substrato fertile e drenante e cordolo di delimitazione perimetrale. Nei 4 vuoti rimasti dalla rimozione degli alberi negli anni, tombati da cemento e asfalto, saranno messi a dimora nuovi 4 alberi di Platanus sp. rimuovendo lo strato carrabile come per gli altri e ripristinando aiuole a protezione degli stessi. L’intervento non limiterà la mobilità pedonale sul viale che sarà invece privilegiata e protetta a discapito di quella veicolare.

2- AREA INDUSTRIALE: Questa parte di territorio comprende soprattutto le aree artigianali e industriali di Seano e Comeana. Il progetto prevede la conversione di superfici impermeabili asfaltate in spazi verdi drenanti alberati in via Sironi, via Bocca di Stella, via N.Copernico nella frazione di Seano e la copertura vegetale arbustiva in fasce o aiuole ricavate su spazi a verde pubblico attualmente a prato o incolti con la messa a dimora di alberi e arbusti lungo il sistema delle acque del torrente Furba. Nel rispetto delle disposizioni relative ai 4 mt da mantenere dal piede dell’argine, per la messa a dimora, si propone una copertura vegetale che segue il torrente Furba, costituita da Alnus glutinosa, Prunus avium, Sambucum nigra, Prunus malus e Acer campestre, Prunus spinosa. L’aumento della biodiversità porterà ad una rigenerazione del suolo in merito alla fertilità, un incremento della popolazione faunistica, una mitigazione dell’impatto delle alte temperature nel periodo estivo in queste aree “nude”. Inoltre, il margine arboreo che si crea va a far da filtro assorbente rispetto ad inquinanti fra le attività produttive a sud del corso del torrente e le aree residenziali e scolastiche a nord. Nell’area industriale Bocca di Stella il progetto prevede la creazione di un parcheggio paesaggistico di fronte alla sede di Publiacqua su via N. Copernico dove i posti auto si alternano a esemplari di Liquidambar styraciflua e Fraxinus oxycarpa. Ai margini vengono inserite bordure di arbusti perenni da fiore e nel rispetto delle aree di manovra e di parcheggio, in ingresso si propongono esemplari con portamento colonnare come le Quercus robur fastigiata.
Nell’ampia area di parcheggio di fronte al campo sportivo di Seano invece, l’intervento prevede la rimozione di un posto auto ogni 3 con la sostituzione dell’asfalto e del cemento con terreno drenante in cui mettere a dimora alberi. Lo stesso per quanto riguarda la lunga aiuola alberata fra la carreggiata principale e il parcheggio dell’area sportiva. Sempre nella frazione di Seano, in via Don Giovanni Minzoni, il progetto prevede una puntuale messa a dimora di alberi in varietà (Tilia cordata, aLiquidambar styraciflua, Prunus malus, Corylus sp.) integrati da siepi di Photinia negli spazi d’angolo. Si rimuovono posti auto a vantaggio delle aree verdi fra gli immobili industriali e quelli residenziali che in questa area sono purtroppo promiscui. Su via Don Lorenzo Milani, in prossimità dell’area di sgambatura cani, si prevede la messa a dimora di filari e gruppi di alberi con impalcato alto e fioriture alternate così da conferire maggior varietà e colore al contesto senza disturbare al di sotto delle chiome il regolare passaggio e svolgimento delle attività. Infine l’area di via Guido Rossa nella frazione di Comeana prevede un importante intervento di risanamento ambientale con la realizzazione di un’ampia fascia alberata di Platanus e Liquidambar e arbusti perenni in varietà, la creazione di un boschetto adiacente al cimitero, la messa a dimora di 2 filari alberati ai lati della pista ciclabile e un filare di Cupressus sempervirens lungo la strada provinciale. In tutte le aree, oltre al raggiungimento di buoni valori di abbattimento Co2 e climalteranti, si ha una notevole riduzione dell’impatto visivo e ambientale delle industrie.

3- AREA SCOLASTICA/SPORTIVA: Questa è l’area maggiormente interessata dalla messa a dimora di alberi e arbusti con la copertura arborea dei terreni intorno all’area sportiva comunale di Comeana e la riqualificazione del “Vialetto della Poesia”.

L’intervento prevede la creazione di una grande Urban Fruit Forest, un bosco commestibile, costituito da 8 livelli di piante partendo dagli alberi di prima grandezza, fino alle micorrizze e le erbacee, passando dagli alberi da frutto, gli arbusti da bacca, i cespugli di aromatiche , le erbacee commestibili e le rampicanti. Nelle parti ripide delle scarpate si suggerisce una copertura arbustiva tappezzante per limitare il dilavamento superficiale e la costante e costosa manutenzione a vantaggio dello sviluppo in forma libera di piante che riescono a coprire oltre 2mq senza bisogno di cure o manutenzioni. Nella scelta delle specie arboree si è considerato di  antenere alta la varietà fra cui: Fraxinus ornus, Salix alba, Populus sp. , Crataegus azzeruolus, Acer  ampestre, Quercus cerris e robur, Prunus avium.

Vista la distanza di quest’area dal traffico veicolare, visti i connotati visuali e paesaggistici  regevoli e la vicinanza ad un ampio quartiere residenziale, si propone la creazione di un percorso benessere fra gli alberi e la scelta di un disegno di sesto di impianto che segue il natural declivio del terreno. Nel corso degli anni inoltre le produzioni a km0 di questo impianto arboreo e arbustivo possono suggerire collaborazioni virtuose tra la Cooperativa che gestisce la ristorazione pubblica locale, i consumatori e il soggetto pubblico.
Pur al di fuori dei calcoli di abbattimento Co2 e gas climalteranti fatti si riteneva opportuno proporre la realizzazione di un arboreo selvatico del comune di Carmignano. Uno spazio in cui si riseminano le specie botaniche del territorio, si coinvolgono le scuole e le famiglie della comunità e si sperimentano “parcellari” di alberi diversi, nursery degli alberi e creazione di un bacino di produzione delle specie locali.
Presso la Scuola elementare Quinto Martini invece si propone la creazione di un orto giardino allo scopo didattico-ambientale dalla forma organica e che segue i principi dell’agricoltura sinergica rigenerativa.

4- AREA RESIDENZIALE/SOCIALE: In questa area gli interventi progettuali sono localizzati nella frazione di Seano che negli ultimi anni ha avuto un forte sviluppo delle aree residenziali e rappresenta di fatto l’ambito del comune di Carmignano dove si concentrano maggiormente attività sociali.
In via San Giuseppe, dove sul fronte delle abitazioni vi è la strada a doppio senso di circolazione e gli immobili delle attività artigianali e industriali, urge intervenire con la creazione di un filare singolo di alberi in alternanza ai posti auto, così da mitigare l’impatto ambientale sulle civili abitazioni e offrire da subito un buon abbattimento delle particelle inquinanti vista la distanza inferiore ai 5m dalla fonte emissiva. Nell’ampio parcheggio in via Lorenzo Bartolini la totale assenza di verde pubblico e/o alberature creano una piazza in cui il microclima è fortemente alterato dall’eccessiva superficie asfaltata che nei mesi estivi alza le temperature sui fronti delle abitazioni intorno. Il progetto prevede la messa a dimora di alberi alternati al mantenimento dei posti auto e delle aree di manovra, creando così un parcheggio paesaggistico in cui anche l’impatto visivo e i detrattori urbani sono mitigati dal verde arbustivo e arboreo di progetto.
In via Carlo Levi vengono rimessi a dimora alberi in posizione dove anni fa sono stati “tombati” in seguito al loro deperimento. In questo caso il progetto prevede, come nelle altre aree asfaltate, l’apertura di ampie aiuole 2,5x5metri con cordolo perimetrale, necessarie al corretto drenaggio del suolo e alla vita futura delle alberature. Dalla via, attraverso un sentiero pubblico si accede ad un piccolo incolto che sarà destinato ad orto giardino sociale, uno spazio di socialità in cui coltivare orti seguendo principi naturali, fare attività educative per le famiglie e raccogliere frutta e verdura a km0. In questo spazio è prevista la messa a dimora di alberi da frutto, alcuni filari di vite locale e un orto che ospita in sinergia ortaggi di stagione e erbe perenni aromatiche.
L’intervento più ampio in questa frazione è costituito dal nuovo progetto per il parco della pista rossa di Seano. In quest’area pubblica molto frequentata e utilizzata per eventi, sagre, mercati ecc.. si propone un incremento del verde di margine a protezione degli ampi prati utilizzati e fruiti regolarmente così da schermare il profilo lungo la strada provinciale, fortemente trafficato. In questo caso si prevede la messa a dimora di 260 arbusti disposti a sesto di impianto doppio alternato così da creare un margine compatto e informale che abbatte fortemente gli inquinanti e contribuisce anche ad assorbire inquinamento acustico del traffico.
Oltre al margine compatto di arbusti, che si snoda fra gli esemplari di platani presenti, si propone la messa a dimora di decine di specie botaniche fra cui: Cornus mas, Acer campestre, Jouglans regia, Prunis dulcis, Quercus robur, Liquidambar styraciflua, Fraxinus sp.
Il campo da calcetto posto al centro del parco della pista rossa viene schermato da una siepe e da gruppi di alberi messi a dimora. Nello spazio a sud-ovest, lungo il muro di cemento adiacente alla ex banca dismessa, si propone la rigenerazione del suolo e dello spazio verde con la creazione del giardino delle farfalle con la messa a dimora di arbusti da fiore che attirano la loro presenza e decorano l’ambiente circondato da prato, alberi, panchine.
Nello spazio adiacente agli edifici residenziali invece, il progetto prevede la realizzazione di un orto giardino a mandala, una piccola fruit Forest che segue la forma circolare e organica di un mandala con unico accesso. Questo elemento decorativo e produttivo sarà realizzato con alberi da frutto e da bacca, arbusti rustici , piante tappezzanti e ortaggi perenni e stagionali. I bancali di terra rialzati, tipici dell’agricoltura sinergica, saranno opportunamente pacciamati e il profilo esterno, in vista da tutta la piazza, sarà mantenuto compatto con siepi sempreverdi. All’interno però, sarà possibile entrare come in un piccolo orto giardino botanico in cui ammirare le consociazioni naturali delle piante che anche in ambito urbano crescono rigogliose e si moltiplicano di anno in anno. Questo tipo di esperimento è stato già proposto in ambiti urbani anche densamente più popolati e hanno riscosso uno straordinario successo dal punto di vista educativo al rispetto del verde pubblico bene comune e alla cooperazione alla cura di questo. La rigenerazione ambientale del Parco della Pista Rossa a Seano, con la messa a dimora di alberature, la realizzazione di un orto giardino di sperimentazione per la gestione partecipata del verde pubblico, e la protezione dello spazio dalle fonti inquinanti e di disturbo esterne, costituisce un passo evolutivo importante nel riconsiderare le aree a verde pubblico non come nudi prati da calpestare o utilizzare liberamente ma giardini fioriti rigogliosi ed educanti da contemplare e rispettare consapevoli che rappresentano un piccolo tassello di un giardino più grande: l’ambiente.


Approvata la seconda variante al Regolamento Urbanistico

Con deliberazione del Consiglio comunale n.1 del 2021, è stata approvata la seconda Variante al Piano Strutturale e al Regolamento Urbanistico vigente.

Si tratta di una variante che ha origine all’inizio dell’attuale mandato amministrativo e che ha come obiettivo primario quello di tutelare maggiormente il territorio aperto e quegli edifici che nel tempo lo hanno reso così particolare ed unico per caratteristiche peculiari di ogni zona del territorio.

È stato effettuato un censimento di 359 edifici di valore storico, che adesso saranno tutelati nelle future, possibili, operazioni di ristrutturazione o modifiche a cui potrebbero essere sottoposti. Questi edifici sono stati classificati con quattro diverse fasce, ciascuna caratterizzata da regole d’intervento specifiche, e da adesso sono rese chiare le modalità d’intervento che possono, o non possono, essere messe in atto. Una delle caratteristiche principali e più evidenti è quella che riguarda il piano del colore, che si rifà alla storia del nostro territorio. Le case coloniche, le aziende agricole – che appartenevano alle fattorie storiche – e in genere gli edifici di ogni zona, avevano storicamente alcuni colori di riferimento, che permettevano di inquadrarli in un determinato contesto. La guida dei colori contenuta in questa variante, chiarisce come è possibile intervenire sull’estetica degli edifici, per mantenere integra la bellezza e soprattutto la storicità delle diverse aree anche in futuro.

Un altro punto cruciale della variante al regolamento urbanistico è la possibilità di realizzare piscine nel territorio aperto, che finora non era consentito. Questo potrà avvenire seguendo regole ben precise, affinché l’inserimento di eventuali piscine in una zona avvenga in maniera consona al rispetto del territorio.

Per quanto riguarda le aree urbanizzate, la variante presenta alcuni piccoli interventi volti a correggere errori presenti nel regolamento urbanistico vigente. Tra questi, il più rilevante è la lottizzazione “Il Bosco” a Seano, mai realizzata ed oramai scaduta. La realizzazione di questa lottizzazione consentirà finalmente di realizzare l’atteso prolungamento di via Levi, che diventerà la principale alternativa a via Baccheretana per bypassare il centro di Seano.

Nella frazione di Comeana, la novità più rilevante riguarda la realizzazione di un ettaro di parco pubblico e del proseguimento di via Poggiorsoli. Su tutto il territorio comunale, invece, sono previsti nuovi parcheggi pubblici, per andare incontro alle esigenze dei cittadini.

Un progetto riguarda in maniera specifica il servizio di trasporto pubblico locale. Lungo via Vergheretana, nell’area immediatamente successiva all’abitato di Santa Cristina a Mezzana, è prevista una rotatoria, dove l’autobus potrà effettuare il capolinea. Questo progetto ha una doppia finalità: portare un più completo e regolare servizio di trasporto pubblico a Santa Cristina a Mezzana ed evitare che l’autobus utilizzi piazza Matteotti, centro storico di Carmignano, per invertire il proprio senso di marcia.

TERZA VARIANTE: Otto osservazioni sono state rinviate ad un nuovo avvio di procedimento di una terza variante puntuale, perché il percorso partecipativo e le stesse osservazioni presentate avrebbero portato ad una soluzione completamente difforme dalle previsioni urbanistiche presenti in questa variante.

“Siamo contenti di essere arrivati in fondo a questo percorso – dice l’assessore all’Urbanistica Francesco Paletti – che per le problematiche del Covid è stato più lungo del previsto e che dà finalmente al nostro territorio delle regole sull’intervento sulle case coloniche. Questa variante ci permette di fondere insieme, tramite la guida degli interventi, innovazione e tradizione: un occhio al futuro sulle caratteristiche che hanno reso questo territorio così bello e particolare. Siamo orgogliosi di aver dato delle linee guida fondamentali per tutelare la bellezza di Carmignano”.

“Due terzi del nostro comune – aggiunge il sindaco Edoardo Prestanti – è costituito da territorio aperto: boscoso, agricolo, rurale. E questo territorio è un patrimonio da tutelare, anche grazie a regole affinché non venga snaturato. Al contempo, per la parte urbana del comune, è cruciale il concetto di volume zero, ovvero di evitare che l’area urbana cresca a dismisura. Il faro guida è l’interesse pubblico, integrato con gli interessi privati per migliorare la vita di tutta la cittadinanza e proteggere il contesto generale”.

Poggio alla Malva: arriva l’operatore ecologico di comunità

Sabato scorso, 16 gennaio, il sindaco Edoardo Prestanti ha incontrato i cittadini di Poggio alla Malva, accompagnato dall’assessore ai lavori pubblici Stefano Ceccarelli e dal consigliere comunale Jacopo Palloni. L’incontro ha avuto lo scopo di confrontarsi con i cittadini della frazione su diversi temi riguardanti quell’area di territorio. Una delle questioni emerse, che i residenti hanno particolarmente a cuore in questo momento, ha riguardato il miglioramento della qualità della pulizia nella frazione.

Per questo motivo, dopo soli tre giorni dall’incontro, oggi è partito il progetto dell’operatore ecologico di comunità. Uno degli operai del Comune si recherà una volta alla settimana a Poggio alla Malva per effettuare lo spazzamento in quelle vie e ambienti pubblici ove non è previsto lo spazzamento meccanico. Nel borgo, infatti, ci sono vie pedonali dove la spazzatrice motorizzata non può passare, per via di gradini o altri impedimenti. In questo modo, il Comune garantisce la pulizia anche dove fino ad ora non era prevista.

L’operatore ecologico di comunità non si limiterà a spazzare, ma provvederà anche a tagliare le erbacce e pulire gli arredi pubblici ove necessario. Ma soprattutto sarà una sentinella sul territorio. Buche, cartelli stradali danneggiati, mattonelle divelte o altre piccole opere di manutenzione che si rivelassero necessarie, saranno segnalate dall’operatore all’ufficio tecnico del Comune, affinché sia calendarizzato un intervento di manutenzione.

“Abbiamo voluto intervenire tempestivamente – commenta il sindaco Edoardo Prestanti – per dare risposta ad una delle richieste avanzate dai cittadini di Poggio alla Malva tre giorni fa. Il servizio dell’operatore ecologico di comunità, che abbiamo messo in piedi grazie ad uno dei nostri operai, parte a Poggio alla Malva in via sperimentale: se funzionerà, potremmo replicarlo in altre zone. Penso soprattutto a Bacchereto, dove si presentano necessità similari. Nel contempo, stiamo lavorando per dare risposta a tutte le altre necessità emerse dall’incontro”.

Torrente elzana: via ai lavori di messa in sicurezza

Sono in corso i lavori di rigenerazione sul torrente Elzana a Comeana, in particolare nel tratto dal ponte di via della Stazione verso monte, e nell’area del Parco della Fontina. L’intervento vede la collaborazione tra il Genio civile della Regione Toscana e il Comune di Carmignano ed è messo in atto dal Consorzio di Bonifica Medio Valdarno.

Anche a causa dei cambiamenti climatici, negli ultimi anni sono sempre più frequenti le bombe d’acqua che, generando piene improvvise dei corsi d’acqua, rendono più probabile il rischio di esondazione. L’Elzana, come molti torrenti, non è esente dal rischio idrogeologico ed è fondamentale la sua manutenzione per garantire la sicurezza dei cittadini che vivono nella zona. I detriti portati dall’acqua nel corso del tempo avevano modificato la morfologia del territorio e del torrente stesso. Per programmare l’intervento è stato importante il dialogo con i cittadini che vivono in quel tratto, lungo le sponde dell’Elzana, i quali hanno potuto mettere la propria memoria storica a disposizione, confrontandosi con i tecnici del Genio civile e del Consorzio di bonifica, e quindi di intervenire nel migliore dei modi.

I lavori sull’alveo dell’Elzana stanno anche contribuendo al recupero e alla tutela di un ponte medievale: in quanto il corso del torrente era stato deviato dai detriti, mettendone a repentaglio la stabilità. Il ponte si trova sul tracciato della Via degli Etruschi, il percorso storico naturalistico che si snoda da Volterra a Fiesole passando anche per il territorio di Carmignano. Recuperare questo tratto di torrente è quindi una necessità anche da questo punto di vista.

Spiega il presidente del Consorzio, Marco Bottino: “Il Consorzio, in collaborazione con il Genio Civile, sta attuando in questi giorni un altro importante intervento sul Torrente Elzana, che in questi ultimi anni ha conosciuto una lunga serie di manutenzioni che lo hanno reso sempre più sicuro e più bello e fruibile andando così a ricostruire un nuovo positivo rapporto fra cittadini e corso d’acqua. Anche a questo serve quel contributo di bonifica che nelle prossime settimane sarà richiesto su tutto il territorio Medio Valdarno, anche a Carmignano”.

“A distanza di questi ultimi quattro anni di stretta collaborazione con il Consorzio di bonifica Medio Valdarno ed il Genio civile della Regione Toscana – aggiunge l’assessore all’Ambiente Federico Migaldi – voglio ringraziarne i tecnici e gli organi amministrativi di questi due enti. Il dialogo sviluppato anche con i residenti del nostro territorio, ha permesso nel corso di questi ultimi anni di avere interventi sempre di maggiore qualità, contribuendo anche a sviluppare il progetto inclusivo delle Vie dell’Acqua, a cui l’amministrazione comunale fa sempre riferimento per la tutela e promozione del territorio del Comune di Carmignano”.

Comune e Legambiente insieme contro l’abbandono delle mascherine

In questi mesi, nei quali vige l’obbligo di indossare la mascherina ogni qual volta si esca di casa, questi sono diventati tra i rifiuti maggiormente prodotti. Non essendo riciclabili né compostabili, le mascherine devono essere conferite nel rifiuto residuo, ma ne vengono ritrovate ogni giorno molte disperse nell’ambiente.

Durante l’estate i “Nonni del verde”, gli uomini e donne che svolgono servizi socialmente utili nel territorio comunale e che si sono dedicati in particolare alla pulizia delle aree verdi pubbliche, hanno denunciato il frequente ritrovamento delle mascherine.
La stessa problematica è stata riscontrata dai volontari che hanno partecipato all’iniziativa “Puliamo il mondo” il mese scorso, quando fra i molti rifiuti raccolti è emersa una forte presenza di mascherine usa e getta.

Sebbene la maggioranza delle mascherine disperse non venga abbandonata intenzionalmente, ma sia piuttosto persa inconsapevolmente, il forte impatto ambientale di questi rifiuti deve portare ad una riflessione, incentivando a porvi un’attenzione particolare. Lo stesso vale per i mozziconi di sigaretta, sempre troppo presenti nell’ambiente. Entrambi questi rifiuti, se non smaltiti correttamente, possono entrare negli ecosistemi naturali portando a conseguenze dannose.

“Le mascherine e guanti monouso ad uso civile, secondo una stima di Legambiente rappresenterebbero circa lo 0,23% dei rifiuti urbani raccolti in Italia”, spiega Ilaria Protti, vicepresidente di Legambiente Prato. “Il loro mancato conferimento nella raccolta indifferenziata, seguito spesso dal loro abbandono in strada, comporta un grave problema di gestione ambientale e sanitaria per l’ulteriore contagio che tale rifiuto potrebbe veicolare, per la composizione di materiale non biodegradabile e perchè la sua frammentazione può produrre parti più piccole che entrano nella catena alimentare animale. Per quanto riguarda infine i mozziconi di sigaretta, essi come confermano i dati del monitoraggio Park Litter – iniziativa di Legambiente nazionale, rappresentano purtroppo la tipologia di rifiuto più comunemente riscontrata nei parchi urbani. Nell’edizione 2020 infatti sul podio dei rifiuti raccolti, i mozziconi di sigaretta si quantificano come il 33% del totale, seguiti al secondo posto da tappi di bottiglia e linguette di lattine che precedono gli innumerevoli frammenti di carta non identificabili. All’appello non manca la plastica: il 6% dei rifiuti totali. Da tutto questo ci dobbiamo difendere, con l’aiuto indispensabile dei cittadini, e a questo è destinata la campagna che abbiamo curato in collaborazione con l’assessorato all’ambiente del comune di Carmignano”.

Per questi motivi il Comune di Carmignano e Legambiente Prato hanno dato il via ad una campagna di sensibilizzazione verso la tutela dell’ambiente, incentrata proprio su questo genere di rifiuti non riciclabili né compostabili: mascherine e mozziconi di sigaretta.  Una campagna frutto di un indirizzo del consiglio comunale, che ha votato l’ordine del giorno su questo tema. Tre locandine (allegate al presente comunicato) sono state affisse negli esercizi commerciali e nei luoghi pubblici di maggiore frequentazione, come il palazzo comunale e il comando della polizia municipale a Carmignano, la biblioteca a Seano, lo Spazio giovani a Comeana.

“L’emergenza sanitaria è al primo posto nelle nostre azioni quotidiane”, dice l’assessore all’ambiente Federico Migaldi. “L’Ambiente è il nostro bene comune, tutelarlo vuol dire preoccuparsi anche della nostra salute”.

Pista ciclopedonale di comeana: ultimo tratto

Il cantiere per la realizzazione della pista ciclopedonale denominata “Via degli Etruschi”, a Comeana, si è spostato dalla testa dell’Ombrone alla strada provinciale. È infatti concluso il tratto che dal confine con il comune di Poggio a Caiano si sviluppa sopra l’argine del torrente Ombrone, fino a raggiungere l’ingresso del campo sportivo della Virtus Comeana.

Da qui, è ora aperto il cantiere per il tratto che corre lungo la provinciale via Lombarda e via Etrusca, andandosi a ricongiungere alla pista ciclabile già esistente, in corrispondenza del parcheggio di via Montefortini. Il tratto in corso d’opera permetterà quindi di raggiungere sulle due ruote in tutta sicurezza anche il cimitero di Comeana ed il tumulo etrusco di Boschetti.

“Queste nuove infrastrutture ciclopedonali che stiamo realizzando – afferma l’assessore all’ambiente Federico Migaldi – sono un’opportunità sotto molti punti di vista. Una tra tutte la rigenerazione dei luoghi che attraversano, riordinando e rendendo più sicuro il territorio che attraversano. La continuità di questi percorsi oltre i confini Comunali gli renderà una vera e propria opportunità turistica e culturale”.

Si va così a concludere il progetto dell’attuale pista ciclopedonale nella frazione, ma la previsione urbanistica vede la continuazione della pista lungo via Leopardi, fino a raggiungere l’area sportiva ed il centro storico di Comeana, passando dal vialetto della Poesia. Una prospettiva volta al prossimo futuro, con l’intenzione di rendere ancora più completa la rete di piste ciclabili del territorio comunale.