Archivi categoria: Sport

In arrivo 2 campi da Basket a Carmignano e Comeana

Sono partiti questa settimana i lavori per la realizzazione di due campi da pallacanestro: uno ai giardini pubblici di via Redi a Carmignano e l’altro ai giardini pubblici di via Leopardi a Comeana. In entrambi i casi, i campi vengono realizzati in aree già dotate sia di attrezzature ludiche adeguate ad una fascia d’età fra i 3 e i 12 anni, sia di campi da calcio.

I due campi, non regolamentari ed adibiti alla pratica amatoriale della pallacanestro, offriranno la possibilità di usufruire in modo libero e gratuito di un servizio utile soprattutto ai giovani per la propria crescita sportiva e personale.

“Anche se oggi il covid non ci permette di praticare gli sport di contatto – commenta il sindaco Edoardo Prestanti – continuiamo a lavorare guardando al futuro. La socialità passa anche attraverso lo sport e sarà un aspetto cruciale da cui ripartire post pandemia, per incentivare i giovani a portare avanti i valori propri dello sport e del rispetto per il bene pubblico. Questo è uno dei progetti che abbiamo messo in atto per farci trovare pronti ed offrire ai nostri ragazzi luoghi ed attrezzature idonee a praticare attività sportive e ricreative all’aria aperta”.

Cycle2recycle: in bici contro la plastica

Cos’hanno in comune lo sport e la tutela dell’ambiente?
Tutto, se hai una bici cargo e pedali per 6500km raccogliendo la plastica che trovi lungo la strada!

Questa mattina è passata nelle nostre zone Myra, la ragazza olandese che sta portando avanti il progetto Cycle 2 Recycle, per sensibilizzare riguardo al problema della plastica.
Ma cosa sta facendo di preciso?
Con una bici davvero curiosa, armata di pinza allungabile e tanta voglia di pedalare, è partita da Torino ed ha già percorso tutta l’Italia fino alla punta estrema della Puglia, per poi dirigersi in Calabria ed attraversare lo stretto fino in Sicilia. Negli ultimi giorni è arrivata in Toscana e oggi sta viaggiando da Firenze a Bologna.
Al suo passaggio dal Ponte del Manetti, il nostro sindaco Edoardo Prestanti e il sindaco di Poggio a Caiano Francesco Puggelli l’hanno incontrata per complimentarsi con lei e per rilanciare il suo messaggio: “Dobbiamo prenderci cura del nostro ambiente!”

Finora Myra ha raccolto 60kg di plastica, che corrispondono a 6000 bottiglie. Il nostro Comune continua ad impegnarsi per la tutela dell’ambiente: lo facciamo in agricoltura eliminando il glifosato dalle coltivazioni, lo facciamo investendo sulla viabilità sostenibile (sentieri e piste ciclabili), lo facciamo con severi controlli verso chi abbandona rifiuti, lo facciamo incentivando la raccolta differenziata, tanto che siamo fra i comuni più virtuosi da questo punto di vista, ma questo non è ancora sufficiente.
Ogni minuto nel mondo viene venduto un milione di bottiglie di plastica: una minima percentuale di queste viene riciclata. Myra ci lancia una sfida: oltre a riciclare i rifiuti, produciamone meno! Un esempio? Beviamo l’acqua del rubinetto!

Sul sito www.cycle2recycle.org è possibile seguire il viaggio di Myra attraverso l’Italia!

Sport, le proposte per la ripartenza

Dare liquidità economica alle associazioni sportive attraverso risorse statali a fondo perduto; ridurre i costi federali e promuovere linee di credito facilitate. Ma anche fornire la possibilità di bloccare gli affitti con l’ipotesi di una rinegoziazione a lungo periodo e creare uno sport-bonus che permetta agli imprenditori privati di scaricare la quasi totalità della sponsorizzazione. È quanto propone in prima battuta l’amministrazione comunale di Carmignano per far ripartire il mondo sportivo e dare sostegno alle associazioni del territorio.

“Il primo passo, così come concordato anche con gli assessori allo Sport degli altri Comuni della Provincia, è sicuramente quello di costituire un protocollo comune da portare ai tavoli nazionali. Un protocollo che sia sostenibile anche dalle realtà sportive che operano sui nostri territori – ha precisato l’assessore allo Sport Stefano Ceccarelli -. Nell’ipotesi, che al momento sembra remota, che a settembre si possa partire con tutta l’attività in condizioni per lo meno simili a quelle che hanno preceduto il lockdown, ci troveremo davanti ad un quadro economico difficile, tendente al drammatico. Le società si vedranno strette da una duplice morsa: da una parte le famiglie, anch’esse per lo più in difficoltà, che chiederanno la riduzione delle quote almeno pari al periodo non svolto l’anno precedente, dall’altra i mancati introiti del periodo primavera estate, gremito di iniziative che consentono alla quasi totalità delle nostre associazioni di mettere in ordine i propri bilanci e assicurarsi quella liquidità necessaria per programmare l’anno successivo. Resteranno invece le spese da affrontare per il regolare svolgimento dell’attività. A questo si può rispondere in prima istanza solo iniettando liquidità economica alle associazioni, passando però dalle federazioni, attraverso un passaggio a cascata dallo Stato alle federazioni fino alle associazioni e non attraverso il mondo creditizio, che porterebbe ad un ulteriore indebitamento ed a un’insostenibilità economica tale da causare una chiusura pressoché totale di un mondo che eroga lavoro e servizi fondamentali per la nostra comunità”.

Misure alle quali dovranno necessariamente seguirne altre: “Solo dopo la messa in sicurezza del settore si potrà parlare di una riforma radicale, ma necessaria, di tutto il mondo dello sport – ha aggiunto l’assessore Ceccarelli -. Questo dovrà avvenire aumentando i finanziamenti per l’adeguamento delle strutture, anche attraverso il credito sportivo o la creazione di appositi bandi. Ma dovrà anche essere riformato il lavoro sportivo, eliminando tutta la selva di bonus e considerando il lavoratore di questo mondo alla stregua di tutti gli altri, con diritti e doveri adeguati all’Italia del 2020. Fondamentale sarà poi dare un aiuto concreto alle famiglie per sostenere le spese dello sport per i figli, anche sotto una forma di defiscalizzazione accentuata. Tra le altre misure che proponiamo, la presenza in maniera strutturata dello sport all’interno delle scuole primarie e, infine, dovrà essere sancita la possibilità di professionismo anche tra le donne”.

“Uno sport per tutti”: pubblicato il bando per sostenere l’attività sportiva di giovani residenti nel territorio

E’ stato pubblicato sul sito del Comune “Uno sport per tutti”, il bando promosso dall’Assessorato allo Sport del Comune di Carmignano volto a sostenere e valorizzare l’attività sportiva di giovani residenti nel Comune le cui famiglie si trovano in situazioni di difficoltà economica.

“Siamo fermamente convinti della valenza educativa dello sport ed è proprio per questo che da sempre ci adoperiamo, attraverso azioni mirate, nella diffusione della cultura dello sport e dei suoi valori e nella promozione della pratica motoria – ha dichiarato l’assessore allo Sport Stefano Ceccarelli -. Per realizzare questo progetto abbiamo messo a disposizione per la stagione sportiva 2019/2020 un fondo di 10mila euro costituito grazie ad un apposito stanziamento nel bilancio di previsione 2019. Cerchiamo così di rendere lo sport possibile a tutti. Il nostro intento è quello di non lasciare nessuno indietro e permettere a tutti di fare attività sportiva, strumento importante per prevenire molte malattie, favorire la socializzazione e insegnare il rispetto delle regole e del prossimo”.

A chi è rivolto. Possono presentare la domanda i genitori o i tutori di ragazzi (appartenenti al medesimo nucleo familiare ISEE) residenti nel Comune di Carmignano, che non hanno ancora compiuto 18 anni e che frequentano attività sportive o corsi in qualsiasi associazione o società sportiva, anche con sede fuori dal Comune di Carmignano, che prevedono il pagamento di quote di iscrizione o tariffe di frequenza o spese per l’acquisto di kit e divise. Tra i requisiti richiesti anche l’appartenenza a nuclei familiari con un ISEE in corso di validità con valore uguale o inferiore a 17mila euro.

Termini e modalità di presentazione della domanda. Le domande di beneficio, redatte su un apposito modulo, potranno essere presentate dal 10 settembre al 19 ottobre all’Ufficio Sport negli orari di apertura al pubblico (lunedì 8.30–12.30 e 15-18; martedì, mercoledì e venerdì 8.30-12.30; giovedì 8.30-15-30). L’ufficio rilascerà una certificazione dell’avvenuta richiesta da portare all’associazione o società sportiva, oltre ad un apposito modulo che dovrà essere compilato dall’associazione stessa. Quest’ultimo documento dovrà poi essere presentato all’Ufficio Protocollo del Comune entro il 30 novembre tramite pec (comune.carmignano@postacert.toscana.it); tramite il sistema Apaci (per seguire le istruzioni: https://bit.ly/30F0sYy) o a mano nell’orario di apertura al pubblico (lunedì 8.30-12.30 e 15-18; martedì, mercoledì e venerdì 8.30-12.30, giovedì ore 8.30-15.30).

Documenti da presentare. Alle domande, reperibili all’Ufficio Sport o scaricabili dal sito del Comune, dovranno essere obbligatoriamente allegati copia dell’attestazione ISEE in corso di validità, copia di un documento d’identità del genitore/tutore richiedente e copia dell’avvenuta iscrizione all’attività sportiva.

I contributi saranno assegnati, fino a esaurimento delle risorse disponibili e mediante l’elaborazione di una graduatoria, tenendo conto del valore ISEE: con Isee tra 0 e 10mila euro, il contributo sarà di 150 euro per figlio (contributo massimo a famiglia 450 euro); con valore Isee tra 10.001 e 17mila euro, il contributo ammonterà a 100 euro per figlio (contributo massimo a famiglia 300 euro).

Per informazioni e per scaricare il bando e la relativa modulistica, è possibile consultare il sito del Comune (www.comune.carmignano.po.it) oppure contattare l’Ufficio Sport (sport@comune.carmignano.po.it; 055 8750232).

Il Comune sostiene i giovani che vogliono fare sport

“Uno sport per tutti”. Non è solo il titolo del nuovo bando promosso dall’assessorato allo Sport, ma è anche uno degli obiettivi prioritari dell’amministrazione comunale di Carmignano, ossia garantire la possibilità di fare attività sportiva a tutti i ragazzi, anche a coloro che hanno minori possibilità economiche. Il tutto nell’ottica di non lasciare mai nessuno indietro.

E così l’amministrazione ha predisposto un bando, che sarà poi aperto al pubblico a settembre, che prevede l’assegnazione di contributi da destinare all’attività sportiva dei ragazzi. Per realizzare questo progetto l’amministrazione ha messo a disposizione un fondo di 10mila euro.

“Lo sport è importantissimo e fondamentale per la crescita delle persone – ha precisato l’assessore allo Sport Stefano Ceccarelli -. Il nostro intento è renderlo accessibile a tutti. Nessuno deve essere costretto a fare scelte obbligate o, ancor peggio, a non far fare attività sportiva ai propri figli. Tramite questo bando intendiamo dunque agevolare la pratica sportiva e consentire così a tutti i giovani residenti nel territorio di poter fare attività fisica”. 

Possono presentare domanda i ragazzi residenti nel Comune di Carmignano che non hanno ancora compiuto 18 anni e che appartengono a nuclei familiari con un Isee inferiore o uguale a 17mila euro. I beneficiari dovranno inoltre frequentare attività sportive o corsi che prevedono il pagamento di quote d’iscrizione, tariffe di frequenza o spese per l’acquisto di kit e divise presso qualsiasi associazione o società sportiva, anche con sede fuori dal Comune di Carmignano, regolarmente costituita e affiliata alla propria federazione.

I contributi saranno assegnati tenendo conto del valore ISEE:

  • ISEE tra 0 e 10mila euro: il contributo sarà di 150 euro per figlio. Il contributo massimo per famiglia sarà di 450 euro.
  • ISEE tra 10.001 e 17mila euro: il contributo sarà di 100 euro per figlio. Il contributo massimo per famiglia sarà di 300 euro. 

I contributi saranno assegnati fino all’esaurimento delle risorse disponibili mediante l’elaborazione di una graduatoria, che sarà formulata tenendo conto dei seguenti criteri: valore Isee; a parità di ISEE la precedenza sarà riconosciuta ai nuclei familiari con il maggior numero di figli minori; a parità di ISEE e di numero di figli minori, la precedenza sarà riconosciuta ai nuclei familiari monogenitoriali.

Le agevolazioni consisteranno nell’annullamento o nell’alleggerimento delle rate successive alla prima. 

La modulistica sarà reperibile dal mese di settembre sul sito del Comune di Carmignano o all’Ufficio Sport. Le domande di ammissione potranno essere presentate dal 10 settembre al 25 ottobre. Alla domanda dovrà essere allegata l’attestazione Isee in corso di validità; copia di un documento del genitore o del tutore del richiedente; copia dell’avvenuta iscrizione all’attività sportiva e pagamento della prima rata.

Sarà possibile ricevere informazioni dettagliate dall’Ufficio competente già dalla metà di agosto scrivendo alla mail sport@comune.carmignano.po.it o telefonando al numero 055 8750232.

“Uno sport per tutti”: il Comune promuove il bando per l’assegnazione di contributi a sostegno dell’attività sportiva per ragazzi le cui famiglie si trovano in situazioni di difficoltà economica

Non lasciare nessuno indietro e permettere a tutti di fare attività sportiva. Con questo spirito l’assessorato allo Sport del Comune di Carmignano ha promosso un nuovo e innovativo progetto, “Uno sport per tutti”, e ha lanciato il bando per l’erogazione di un contributo alle associazioni sportive del territorio per sostenere l’attività sportiva di giovani residenti nel Comune, le cui famiglie si trovano in una situazione di difficoltà economica.

“Lo sport è uno dei metodi più efficaci per la prevenzione di molte malattie, per favorire la socializzazione, insegnare il rispetto delle regole e degli altri – ha sottolineato l’assessore allo Sport -. Fin dal nostro insediamento ci siamo adoperati per la diffusione delle buone pratiche e di una sana cultura dello sport. Attraverso questo bando vogliamo aiutare anche le famiglie che si trovano a vivere un momento di difficoltà, per far sì che i loro figli non abbandonino la pratica sportiva”.

Per realizzare questo progetto il Comune ha messo a disposizione un fondo di 10mila euro da destinare alle associazioni sportive che hanno sede e operano sul territorio comunale. Dalla prossima settimana le società, contattando l’Ufficio Sport, potranno richiedere di aderire al progetto e di essere iscritte in un apposito elenco. Nello specifico, potranno iscriversi le società sportive che hanno sede e/o operano sul territorio comunale da almeno un anno; sono regolarmente costituite e affiliate alle proprie federazioni; non hanno pendenze economiche né giudiziarie con il Comune e non hanno avuto più di due richiami scritti negli ultimi tre anni. Una volta redatto l’elenco delle società, sarà pubblicato il bando.

Potranno poi presentare domanda e richiedere agevolazioni i genitori o i tutori dei ragazzi che risiedono nel Comune di Carmignano; hanno un’età inferiore ai 18 anni; appartengono a nuclei familiari con un Isee in corso di validità con valore uguale o inferiore a 17mila euro; frequentano presso una delle associazioni sportive che hanno aderito al progetto attività sportive o corsi che prevedono il pagamento di quote di iscrizione o tariffe di frequenza, o spese per l’acquisto di kit e divise. I contributi concessi alle famiglie saranno assegnati tenendo conto delle fasce Isee: chi ha un Isee fino a 10mila euro, riceverà un contributo di 150 euro per figlio (contributo massimo per famiglia 450 euro); in caso di Isee fino a 17mila euro, il contributo sarà di 100 euro per figlio (massimo 300 euro a famiglia). I contributi saranno assegnati fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Secondo Trofeo del Montalbano, venerdì in Sala consiliare la premiazione

Quattro consolidate corse podistiche promosse da altrettante storiche società sportive, due Comuni e un’associazione coinvolti, il tutto con l’obiettivo di promuovere lo sport e far conoscere e valorizzare il Montalbano. Con questo spirito è nato il Trofeo del Montalbano, giunto quest’anno alla sua seconda edizione. Ad organizzarlo Asd Jolly Motors Seano, Avis Colline Medicee, Podistica Quarrata e La Stanca Valenzatico, con il patrocinio dei Comuni di Carmignano e Quarrata e la collaborazione del BioDistretto del Montalbano.

Venerdì 14 dicembre alle 21.30 nella Sala consiliare del Comune di Carmignano si terrà la premiazione del Trofeo Montalbano, che ha visto la partecipazione, nelle quattro manifestazioni inserite nel calendario, di oltre 4000 atleti.

“Una bellissima manifestazione, giunta quest’anno alla seconda edizione – spiega l’assessore allo Sport Stefano Ceccarelli – che ha unito due Comuni con l’obiettivo di promuovere l’importanza della pratica sportiva e di valorizzare un territorio ricco come il Montalbano. Grazie a questo trofeo, importante vetrina per l’area del Montalbano, si crea inoltre un indotto che va a fortificare ulteriormente le quattro corse”.

Le corse inserite nel secondo circuito del Montalbano erano la 5^ Corri Seano organizzata dalla Jolly Motors; l’8° Trofeo Avis Colline Medicee memorial Alessandro Magni, promosso dall’Avis; la 43^ Passeggiata panoramica della Podistica Quarrata e il 41° Trofeo “5 Frantoi” 11° memorial Risaliti Gianfranco della Podistica La Stanca Valenzatico.

A essere premiate venerdì saranno le cinque società che hanno ottenuto il punteggio più alto per partecipazione, alle quali verranno consegnati buoni acquisto da consumare in esercizi commerciali della zona. Riceveranno poi dei premi anche gli atleti, sia singoli sia tesserati, che hanno partecipato a tutte e quattro le manifestazioni podistiche del Montalbano, i cui cartellini sono stati estratti a sorte al termine di ogni gara.