Archivi categoria: Eventi

Campionato di ciclismo under 23 – Bacchereto 2021: tutte le informazioni tecniche

Il 19 giugno prossimo il GS Bacchereto e la UC Seanese Corse organizzano il campionato italiano di ciclismo under 23, in collaborazione con il Comune di Carmignano.
Il percorso, del quale alleghiamo la mappa, prevede la partenza a Bacchereto e l’arrivo a Seano, con passaggio dalle altre frazioni del Comune, in particolare Carmignano e Comeana, e dai territori dei comuni limitrofi: Signa, Poggio a Caiano e Quarrata.

“Grazie alle due associazioni organizzatrici e a tutti i numerosi appassionati che si sono stretti a loro, a nome di tutta l’amministrazione, per l’impegno messo nel dar vita a questo evento sportivo di così alto rilievo”, commenta l’assessore allo Sport Stefano Ceccarelli. “Con il video realizzato da Martino Areniello lanciamo oggi ufficialmente il campionato, sicuri che sarà un evento di grande successo. Proprio la scorsa settimana abbiamo accolto qui a Carmignano le mountain bike della Toscano Enduro Series, che hanno riempito di vita le nostre strade. Non vediamo l’ora di vedere i giovani atleti correre fra le curve del nostro territorio, tornando ad animarlo dopo oltre un anno di pandemia”.

“Un ringraziamento all’amministrazione comunale, alle associazioni sportive e a tutti coloro che in questo momento così particolare si sono impegnati per realizzare questa manifestazione”, aggiunge la consigliera regionale Ilaria Bugetti. “Questo segno di ripartenza importante per lo sport e per i giovani ci dà grande speranza. Come Regione Toscana è stato un piacere dare il nostro contributo e sostenere il progetto, perché crediamo che per le associazioni sportive, che hanno sofferto e sono state ferme in questi mesi, abbiano bisogno di sentire una vicinanza. Quindi da parte di tutta la Regione un grande e caloroso in bocca al lupo a tutti i giovani partecipanti!”.

DI SEGUITO LA TABELLA DI MARCIIA ED IL REGOLAMENTO:

Tre appuntamenti per FaremoForesta

Il Comune di Carmignano ha partecipato al bando regionale Toscana Carbon Neutral con il progetto FaremoForesta (tutti i dettagli presentati lo scorso gennaio: LEGGI QUI ). Adesso il progetto viene presentato alla cittadinanza nel corso di tre domeniche pomeriggio, durante le quali le aree verdi del territorio saranno protagoniste di attività per bambini legate all’ambiente.

I tre pomeriggi  inizieranno alle ore 17.00 con un incontro di presentazione dedicato alla progetto Faremo ForestaCarmignano finalizzato a mitigare l’inquinamento dell’aria  a seguire merenda per tutti i bambini a cura dell’Associazione Bio-distretto e del Gas-Fico di Carmignano. Gli incontri proseguiranno con i racconti – spettacolo animati per bambini

Ecco il programma dei tre appuntamenti:

Domenica 30 maggio – Giardini di Via Redi Carmignano – ore 17.30
Eterna. Storia di una bottiglia di plastica
Eterna è una bottiglia di plastica, che vive nel mondo delle cose che racchiude. Un mondo che attraversa grazie al suo amico Simone, un bambino di dieci anni, con i capelli appuntiti dal gel e dai capricci, che, giocando, riutilizza più volte la bottiglia. Il racconto si sviluppa tra uno sguardo esterno e lo sguardo della bottiglia che, in bilico tra questa sua “anima” e la staticità della sua realtà materiale, attraversa mille peripezie immerse in un tempo indefinito, eterno, appunto. “Eterna” vuol essere un modo per avvicinare ed avvicinarsi alla realtà del mondo che ci circonda, e alle responsabilità che tutti noi abbiamo nei confronti di esso e di chi ne rappresenta il futuro: i bambini.

Domenica 13 giugno – Località Pista Rossa Seano – ore 17.30
Bellaria. Un paese da riscoprire
Gli ambienti naturali come le foreste, i boschi, le praterie, le lagune, i sistemi fluviali, ecc. sono essenziali per la vita sulla terra, ospitano animali e vegetali che sono il risultato di migliaia di anni di evoluzione e costituiscono una fonte insostituibile di risorse per l’uomo. L’esistenza di sistemi naturali sani ed equilibrati è essenziale per la vita del nostro pianeta. E per la nostra! “Bellaria” è un esperimento coinvolgente, tra letture e piccoli giochi teatrali, per aiutare i bambini a riconoscere alcuni buoni e cattivi comportamenti di ogni singolo cittadino nella salvaguardia di quelle risorse naturali essenziali al proseguimento della vita umana sul pianeta Terra.
Durante lo spettacolo e a seguire saranno presenti i tecnici che hanno realizzato il progetto, con materiali illustrativi per adulti e giochi educativi per bambini sulle specie arboree.

Domenica 20 giugno – Località Parco della Fontina di Comeana – ore 17.30
Una vita tra i rami
Racconto – spettacolo sospeso liberamente tratto da “Il Barone Rampante” di Italo Calvino
Può succedere che, passeggiando nel bosco, un movimento tra i rami catturi la nostra attenzione. L’eco di un racconto, il canto proveniente dalla cima di un albero ci rivelano la presenza di qualcuno. Un personaggio tra le fronde che conosce storie incredibili. Letture tratte da “Il barone rampante” di Calvino e altre storie sugli alberi.

Spettacoli a cura della compagnia teatrale Mimnesis Teatro
Tutte le attività sono gratuite – richiesta la presenza di un genitore/accompagnatore
Richiesta la prenotazione inviando una mail a: bibliotecapalazzeschi@comune.carmignano.po.it

Arriva “Regionale 66”, la rassegna sui viaggi alla biblioteca comunale

Cominciano dai primi di giugno le iniziative estive organizzate dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Carmignano, con una serie di tre serate dedicate ai viaggi ed organizzati in collaborazione con la biblioteca comunale.

Il ciclo si intitola “Regionale 66 – Racconti dai confini del mondo” ed è ispirato al fatto che proprio da Seano, dov’è situata la biblioteca, passa la R66, omonima della più celebre strada statunitense che oramai diventata un simbolo dei viaggi on the road.

Le tre serate si svolgeranno all’aperto, nel giardino della biblioteca, così da poter mantenere le distanze ed il rispetto della normativa anti-covid. Questo il calendario:

  • Venerdì 4 giugno, ore 21: Transiberiana, l’ultimo treno leggendario.
    Andrea Cuminatto, autore della guida Polaris “Transiberiana”, ci porta alla scoperta della Russia più profonda e inesplorata. Diecimila chilometri in treno sulla ferrovia più lunga del mondo.
  • Martedì 8 giugno, ore 21: Dall’Olanda alla Polonia: l’Europa sconosciuta a piedi e in bicicletta.
    Paolo Ciampi, autore pluripremiato di numerosi libri di viaggio, ci aiuta a guardare il viaggio con un approccio sostenibile verso l’ambiente visitato e alle persone che lo abitano.
  • Martedì 15 giugno, ore 21: In viaggio con le immagini: il mondo con gli occhi di “Erodoto 108”.
    Gli autori della rivista “Erodoto 108” ci accompagnano negli angoli più inesplorati del pianeta, svelandoci i segreti per raccontare il mondo con parole e immagini.

Inoltre, per tutto il mese di giugno sui social network della biblioteca saranno messi in evidenza consigli di lettura a tema viaggio.

“Viaggiare significa confrontarsi con culture diverse – afferma l’assessora alla Cultura Stella Spinelli – e quindi arricchire il proprio bagaglio culturale e guardare il mondo, ma anche la nostra quotidianità, con occhi più consapevoli. Se la pandemia oggi ci impedisce di spostarci lontano, possiamo viaggiare con la mente grazie ai racconti di chi ha esplorato luoghi insoliti, ma anche prendere spunto da chi ha scelto di viaggiare con un’attenzione particolare verso l’ambiente e verso i popoli incontrati”.

Toscano Enduro Series 2021 a Carmignano

Questo fine settimana arrivano a Carmignano le mountain bike della “Toscano Enduro Series 2021 – 2^ Tappa”. Una gara di livello internazionale, con quasi 600 iscritti, organizzata da TSI Free Bike A.s.d. di Pistoia, patrocinata dal Comune di Carmignano e sponsorizzata tra gli altri da RedBull.

Tra i partecipanti italiani spicca Marco Melandri, il pilota motociclistico che oggi si dedica a questa disciplina, ma soprattutto parteciperanno squadre di livello mondiale come la Ibis Factory e la Canyon Factory.

La gara comincerà domenica mattina alle ore 8 e ogni atleta gareggerà per circa 4 ore e 30 minuti. Il percorso è lungo 35 chilometri, con 1300 metri di dislivello. A questo si aggiungono 4 prove speciali e una prova spettacolo, che verrà resa nota soltanto sabato pomeriggio.

Le premiazioni avverranno sul palco montato di fronte al palazzo comunale di Carmignano, domenica pomeriggio al termine della gara, presumibilmente attorno alle ore 17.

Lungo il percorso ci saranno 60 Marshall per garantire la sicurezza e l’associazione VAB si occuperà del ristoro degli atleti, con una postazione a Pietramarina.

“Siamo estremamente contenti di ospitare questa competizione sportiva – afferma l’assessore allo sport Stefano Ceccarelli – che portando gente da tutta Europa diventa un’ottima vetrina per Carmignano. La prova spettacolo, assolutamente da non perdere, sarà qualcosa di unico che darà un valore aggiunto alla gara e saprà affascinare anche chi non segue questo sport. Ringraziamo gli organizzatori per il grande impegno messo nei mesi scorsi per organizzare questo grandissimo evento sportivo”.

Gli “Uffizi diffusi” arriveranno ad Artimino

Il progetto “Uffizi diffusi”, lanciato dal museo fiorentino per portare le proprie opere d’arte sul territorio toscano, potrebbe avere tra i propri protagonisti anche Carmignano con la Villa Medicea “La Ferdinanda” di Artimino.

Questa mattina il direttore del Museo degli Uffizi, Eike Schmidt, ha visitato la Villa Medicea di Artimino, accompagnato dai rappresentanti del Comune di Carmignano – il sindaco Edoardo Prestanti, l’assessora alla Cultura Stella Spinelli e la responsabile dell’ufficio cultura del comune Saida Matteini – e della Tenuta di Artimino – l’amministratore delegato Francesco Spotorno Olmo, la responsabile marketing Claudia Cataldo e la direttrice della Villa Elena Naldi – per un sopralluogo volto ad estendere il progetto degli Uffizi diffusi anche al territorio carmignanese.

Il direttore del museo ha valutato positivamente la proposta avanzata dall’amministrazione comunale di far tornare temporaneamente nella Villa di Artimino la serie di dipinti conosciuti come le “Bellezze di Artimino”. Dipinti nell’arco di anni fra il 1599 ed il 1608 e posti a decoro delle sale della villa La Ferdinanda, questi 65 quadri ritraevano altrettante gentildonne prevalentemente di Firenze, ma anche di Roma, Napoli ed altre importanti corti dell’epoca. Oggi il Museo degli Uffizi è proprietario dei 57 ritratti arrivati ai giorni nostri: l’obiettivo del progetto appena avviato è quello di dar vita ad una mostra che riproponga tali opere nelle sale per cui furono create.

La macchina organizzativa si è messa in moto ed è in corso la progettazione della mostra e degli eventi collaterali, che potrebbero essere legati non solo al mondo dell’arte, ma anche a quello della moda.

“Un nuovo Rinascimento che parte da Firenze e da Carmignano – affermano il sindaco Edoardo Prestanti e l’assessora Stella Spinelli – per guardare ad una ripartenza che abbia arte e cultura come parole chiave. Sappiamo di condividere un pensiero con il direttore Schmidt: l’arte non deve essere esclusiva, ma deve diffondersi, arrivare a tutti. Vogliamo che la bellezza sia al centro della ripartenza del nostro territorio: oggi abbiamo fatto un grande passo per regalare a tutti la possibilità di vedere alcune eccellenti rappresentazioni di bellezza”.

“La temporanea ricongiunzione della serie straordinaria delle Bellezze di Artimino con il loro contesto originale – afferma il direttore degli Uffizi Schmidt – è un sogno che si sta per realizzare: un sogno non solo dal punto di vista storico artistico e della tutela dei beni culturali ma anche nella prospettiva dell’identità e della promozione economica del territorio”.

“Siamo felici di aver accolto questa mattina il Direttore Schmidt all’interno della nostra Villa”, commenta l’amministratore delegato della Tenuta di Artimino Francesco Spotorno Olmo. “L’idea di riportare ad Artimino delle simili opere d’arte e di aderire a questo progetto è grande motivo di orgoglio: come famiglia Olmo abbiamo sempre creduto nella valorizzazione del patrimonio artistico e del territorio, dando importanza alla nascita di sinergie che possano accendere i riflettori su questo angolo di Toscana così ricco di storia e bellezza”.

ViviAMO il Montalbano Presentazione calendario di iniziative Maggio-Luglio2021

Il Comune di Carmignano patrocina le iniziative estive del BioDistretto del Montalbano e del GAS Fico Carmignano: “ViviAmo il Montalbano”.

“Siamo un gruppo di donne che si sono incontrate per caso facendo la spesa al GaS Fico di Carmignano, il gruppo di acquisto solidale creato dall’Associazione BioDistretto del Montalbano a Dicembre 2020. Un gruppo tutto al femminile che si è piaciuto ed inteso al volo, una biodiversità di vissuti e professionalità che ha generato un’esplosione di creatività”, spiegano le organizzatrici. “ViviAMO il Montalbano è un ciclo di 29 incontri nato dal contributo personale di ognuna di noi, guardando l’obiettivo che ci accomuna: condividere e trasmettere la nostra passione per la Natura. Crediamo fermamente che vivere in armonia con l’Ambiente che ci circonda e tutelarne la bellezza e salubrità, sia base fondamentale per la nostra salute fisica e mentale. Le nostre iniziative hanno lo scopo di far conoscere ed apprezzare il nostro bellissimo territorio attraverso un calendario ricco di attività per grandi e piccini”.

“Il nostro territorio sta iniziando a portare frutti importanti – aggiunge il sindaco Prestanti – e fra gli ultimi e importanti frutti c’è il GAS Fico, che oltre a creare una rete di consumatori consapevoli e a dare una mano ai nostri agricoltori, assieme al BioDistretto sta creando informazione e consapevolezza, come deve avere un territorio in transizione ecologica”.

Si parte con una serie di escursioni per bambini con la guida ambientale Serena Maccelli “Alla scoperta del Montalbano”, conoscere e riconoscere la Natura, un modo per imparare a rispettarla partendo proprio dalle ricchezze del nostro territorio e per tessere relazioni all’aperto dopo i lunghi mesi che hanno visto, sopratutto i più giovani, impegnati in attività a distanza. Sempre per i più piccoli, una serie di laboratori esperienziali con la costruzione di meridiane, tempere naturali e lavoretti artistici oltre ad un ciclo di letture nei parchi pubblici a cura di Katia Loconte, educatrice prima infanzia con formazione naturalistica.

Sono due le aziende agricole Carmignanesi che ci aprono le loro porte:
– Az.Agricola il Verduraio Matto propone un laboratorio di otto incontri durante i quali i bambini realizzeranno un orto, partendo dalla semina di ortaggi e aromi, arrivando alla raccolta dei frutti. I bambini impareranno a diradare, trapiantare ed annaffiare e conosceranno i metodi di coltivazione biologica. Infine assaggeranno.. “Vorrei che i nostri bambini riscoprissero il contatto con le loro radici in una cultura prevalentemente agricola” dichiara Chiara Berlendis, laureata in Scienze dell’educazione e psicomotricista funzionale nonchè ideatrice di questo percorso.
– Puro Carmignano propone per ogni lunedì del mese di giugno, visita didattica e degustazioni per ammirare il mondo delle api. La visita all’azienda ha come obiettivo far avvicinare le persone al mondo delle api, della produzione del miele e del ruolo degli impollinatori. “Attraverso l’esempio di questi preziosissimi insetti vorremo contribuire a sviluppare lo spirito di gruppo e il senso di responsabilità, sia verso gli altri sia nei confronti dell’ambiente” dichiara Daniela Danieli, titolare dell’azienda.

È della biologa Bianca Mencaroni e del coadiutore degli animali in pet therapy Francesca Napolitano, l’idea di proporre una passeggiata in compagnia dei propri cani e di un educatore cinofilo in modo da apprendere preziosi consigli per godersi le uscite insieme ai nostri fedeli amici. Un gruppo tutto al femminile non poteva rinunciare ad una giornata per sole donne, ed ecco il corso di gin-ecologia, alla scoperta delle piante alleate per il nostro benessere. A cura del “collettivo l’anemone” insieme a Serena Ricci, nuova imprenditrice agricola del Montalbano.

E per finire, sei domeniche di “pulizie ambientali” per camminare insieme e ripulire le zone deturpate dall’abbandono incivile di rifiuti. “Su segnalazione di cittadini che vivono nel nostro territorio, abbiamo già un lungo elenco di luoghi dove intervenire” dichiarano Romina Ferrari, grafica e Laura Lo Presti attivista di Zero Waste. Le nostre azioni quotidiane possono fare la differenza.

Ringraziamo tutte le altre donne del gruppo, fondamentali nel lavoro di squadra: Rosalba, Elisa, Marta, Stefania, Alessandra, Flavia, Ilenia, Ilaria, Silvia, Elisabetta, Martina, Sandra, Nicoletta.

Ognissanti suona il Jazz – III edizione

La terza edizione di Ognissanti suon il Jazz non si è potuta tenere a novembre a causa delle restrizioni dovute alla pandemia. Va in onda oggi, 30 aprile, sul canale Youtube del Comune di Carmignano e sulle pagine Facebook del Comune e di “Ognissanti suona il Jazz”.

“Questo è uno degli eventi culturali di cui vado più fiera, per la qualità musicale da sempre eccelsa che viene garantita anche in tempo di covid, oltre ad essere un’iniziativa frutto di una bella collaborazione con il comune di Poggio a Caiano”, commenta l’assessora alla Cultura Stella Spinelli. “Ringrazio di cuore gli organizzatori, che anche in questa situazione particolare hanno dimostrato professionalità ed appassionata tenacia”.

Il concerto è dedicato a Dave Brubeck e l’ospite di quest’anno è il
grande Pietro Tonolo, accompagnato magistralmente dalla “Ognissanti jazz ensemble” diretta dal maestro Duccio Bertini, che presenta per in questa occasione i suoi arrangiamenti originali. Una produzione della associazione culturale “Circolo delle quinte”.

Giornata internazionale della donna – Video “La migliore amica…quasi sorella”

Anche se l’attuale situazione emergenziale causata dalla pandemia non consente di organizzare eventi o iniziative in presenza di pubblico, l’Amministrazione comunale di Carmignano non dimentica di valorizzare l’importante ricorrenza dedicata alla figura femminile.

L’Assessorato alle Pari opportunità condividerà con tutte le cittadine carmignanesi (e non solo ovviamente) un curioso sketch-video realizzato dall’Associazione culturale Pandora, dove due attrici speciali, Samanta Tesi e Chiara Foianesi, attraverso il filo del telefono, tratteranno con una feroce tragicommedia un’amara sfaccettatura dei rapporti di amicizia fra il genere femminile, certamente esagerata,  nonostante le conquiste sociali e l’emancipazione femminile. “La migliore amica… quasi sorella” ci invita a riflettere e a cambiare i nostri rapporti per un miglioramento della qualità di vita e, perché no, per un avvicinamento alla felicità.

“La  migliore amica… quasi sorella”
Sketch video
con Samanta Tesi e Chiara Foianesi
Associazione culturale Pandora

Nasce “Discover Carmignano”: il portale per la promozione turistica del nostro territorio

Un territorio da scoprire, da vivere, da amare. Nasce “Discover Carmignano” una nuova pagina voluta dall’Amministrazione Comunale per raccontare e promuovere il territorio del Montalbano, ricco di opportunità naturalistiche, artistiche ed enogastronomiche.
Un progetto che, nel suo lavoro durante i prossimi mesi, si pone l’obiettivo di far conoscere tutte le occasioni che offre Carmignano a chi la vorrà visitare, un luogo nel cuore della Toscana dove poter venire a cercare relax, ma anche punto strategico per poter visitare le principali città della nostra regione.

Dalla vetta del Montalbano non solo si domina Prato, ma s’intravede il Duomo di Firenze e si scorge la Valdelsa. La posizione è strategica per coloro che, venendo da lontano, vogliono poter visitare Firenze e le altre città d’arte toscane, senza rinunciare alla qualità della vita dei borghi medievali che costellano il suo territorio, agli itinerari verdi delle sue colline, alla possibilità di gustare i suoi prodotti tipici d’eccellenza.
Sulla pagina Facebook di “Discover Carmignano” troveremo un racconto fatto di immagini, storie e video che saprà incuriosire e intercettare chi, quando si potrà tornare a visitare il nostro Paese, vorrà trovare un luogo speciale. Ma allo stesso tempo, vuole essere uno stimolo per tutti quei toscani che, guardandosi intorno, stanno riscoprendo la bellezza unica del nostro territorio.

Carmignano, che si conferma tra i Comuni più verdi della Toscana, sia come conformazione territoriale sia come politiche messe in atto negli ultimi anni per la tutela dell’ambiente, si rivela meta ideale per un turismo ecosostenibile, dove gli sport e le attività nella natura vanno a braccetto con l’arte e la storia.
Tra i primi contenuti che stanno arricchendo la pagina, spiccano i video della serie “Cammin Facendo”, volti proprio a promuovere Carmignano come meta di chi ama un turismo lento e sostenibile, a passo d’uomo, lontano dal caos delle grandi città e a stretto contatto con la natura, la storia, l’arte e le sue bellezze. I video, realizzati dal videomaker pratese Jacopo Payar, sono pillole di un minuto l’una che mettono lo spettatore nei panni di chi, facendo un cammino nel territorio carmignanese (come suggerisce il titolo), ne scopre le bellezze nascoste. I primi tre video riguardano l’arte e la storia e sono dedicati rispettivamente all’archeologia con gli Etruschi, alle testimonianze del Medioevo e all’arte dal Rinascimento ad oggi. Seguiranno, uno a settimana, video sulle eccellenze enogastronomiche e sulle attività all’aria aperta.

“In un periodo storico nel quale i viaggi all’estero, ma anche fra le diverse regioni italiane, sono difficili da programmare, il turismo di prossimità si rivela la carta vincente da giocare. Non possiamo fare previsioni sicure sulla prossima estate, ma certamente il turismo lento sarà protagonista e noi siamo pronti ad accogliere quei turisti attenti al territorio che visitano”, commenta il sindaco Edoardo Prestanti.
“Abbiamo la fortuna di vivere in un territorio non solo bello, ma anche variegato – aggiunge Stella Spinelli, assessore al Turismo – si può venire a Carmignano per una gita fuori porta, ma anche programmare un soggiorno lungo visto che siamo un’oasi di relax dal caos cittadino all’insegna del buen vivir”.

Le riscoperte di “Leonardo e Bacchereto”

Il Comune di Carmignano organizza per domenica 6 settembre 2020 un evento d’eccezione nel contesto della Sagra del Fico di Bacchereto: la presentazione del volume “Leonardo e Bacchereto. Terra da far boccali”, a cura di Alessandro Vezzosi con i contributi di Maria Chiara Bettini, Giovanni Roncaglia, Agnese Sabato, Edizioni Polistampa. L’evento si terrà alle ore 16:45 presso la pieve di Santa Maria Assunta a Bacchereto, nei locali dell’Antiquarium delle maioliche di Bacchereto, sezione distaccata del Museo Archeologico di Artimino ‘Francesco Nicosia’. Seguirà la visita gratuita al Museo.

Il volume è stato fortemente voluto dall’assessore alla Cultura Stella Spinelli, per dare voce alle importanti novità scoperte su questo tema dagli studiosi che hanno curato il testo.

Si tratta di una pubblicazione che chiarisce, con dati certi e documenti anche inediti (prevalentemente ritrovati nell’Archivio di Stato di Firenze), un momento fondamentale ma trascurato della biografia di Leonardo; la sua presenza e la storia della sua famiglia in relazione a Bacchereto, compresa la “fornace da orcioli” e altri possedimenti; le origini e una serie di esperienze sorprendenti dell’artista con la “terra da far boccali” (l’argilla) grazie a una ricognizione nei manoscritti di Leonardo (dal Codice Atlantico a quelli di Madrid e dell’Istituto di Francia). La pubblicazione inizia con una illustrazione delle straordinarie testimonianze etrusche scoperte nel territorio di Carmignano e si conclude con la ricostruzione della presenza di numerose fornaci in almeno otto località di Bacchereto, con oltre sessantotto fornaciai, tra XIV e XVII secolo, quando questo borgo del Montalbano costituiva un centro di produzione della ceramica artistica, poi scomparso fino ai ritrovamenti ora qui raccolti nel Museo delle Antiche Maioliche.

Interverrà Andrea Pessina, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, che nella prefazione al volume ne riassume i contenuti ripercorrendo anzitutto le riscoperte archeologiche nel territorio.

“Sono felice di poter consegnare ai cittadini un libro serio e affidabile – commenta l’assessore alla cultura Stella Spinelli – che trasformerà una volta per tutte la leggenda su ‘Leonardo a Bacchereto’ in storia. Finalmente si potrà affermare con orgoglio che il Genio ha trascorso la sua infanzia anche fra le nostre colline, ispirandosi e formandosi”.

Alessandro Vezzosi (leonardista e critico d’arte), e Agnese Sabato (storica), con documenti inediti o rari dimostrano i rapporti con Bacchereto di Leonardo e della sua famiglia (degli Zoso di Bacchereto e dei Da Vinci), tramite la nonna del grande artista-scienziato, Lucia di ser Piero di Zoso, moglie di Antonio Da Vinci (che non era notaio e non si era limitato ad accudire in Vinci i possedimenti agricoli, ma aveva navigato in gioventù fino a Barcellona e in Marocco). Nonna Lucia era sorella di ser Baldassarre, notaio che – come il padre di Leonardo, ser Piero – lavorò per la famiglia di Machiavelli, abitava a Firenze nella piazza del quartiere di Santa Maria Novella e, dopo essersi ritirato a Bacchereto, cedette i suoi beni al nipote ser Piero Da Vinci. Di estremo interesse, per tali proprietà prima degli Zoso e poi dei Da Vinci, risultano gli accertamenti relativi alla loro “fornace da orcioli” e alla “chasa da signore” a Toia, confinante con San Biagio e Fusciano e con i beni della Pieve.

Inoltre i due studiosi inquadrano il patrigno fornaciaio di Leonardo, i sei biscugini a Bacchereto (tra cui un notaio, Giovanni) e le condizioni imposte da ser Piero al fratello Francesco per la gestione dei poderi di Bacchereto distanti in linea d’aria solo 6 km da Vinci (che oltre a vino, olio, grano e spelta, producevano panico, fave, orzo, biade, castagne, uova e fichi secchi…). Gli eredi di ser Piero Da Vinci, inclusa Violante, figlia di ser Giuliano (il più autorevole degli almeno 22 fratellastri di Leonardo) e di Alessandra Dini (menzionata nel Codice Atlantico), continuarono ad abitare a Toia nel XVI secolo…

Vezzosi evidenzia in particolare l’importanza straordinaria di alcune annotazioni di Leonardo. Migliaia di suoi fogli autografi sono andati perduti, soprattutto quelli del periodo giovanile fino al 1478, con l’eccezione del Paesaggio con la data 1473. La sua prima citazione di Vinci risale al 1494-1500. Fondamentale è quindi, in rapporto a Bacchereto, l’antecedente promemoria databile 1478 nel Codice Atlantico: “Francesco d’Antonio [lo zio] in Firenze e compa[re o ri] in Bacchereto…”.

Nei periodi successivi l’artista ricorderà spesso la sua pratica nelle fornaci e nel lavorare l’argilla. Dimostra per esempio la sua personale e diretta conoscenza di come si possono restaurare i vasi rotti quando sono ancora crudi e non quando sono già cotti. Dà importanza agli insegnamenti ricevuti dagli orciolai (“boccalari”) per molteplici applicazioni e nell’uso del tornio del vasaio, persino per misurare la velocità delle navi. “Adoperandomi io non meno in scultura che in pittura” scrive Leonardo, rivendicando un’arte per la quale era celebre ma criticando lo scolpire in marmo, mentre si esercitava nella modellazione della creta, ossia nella “plastica”, “sorella della pittura”.

Vezzosi formula e definisce più che credibile, quasi una certezza, l’ipotesi che Leonardo abbia iniziato giovanissimo a plasmare l’argilla nella fornace di Toia, anziché o non solo nella bottega del Verrocchio, nella quale eseguiva fra l’altro figure di terra per disegnare e dipingere i panneggi giovanili. Fece quasi sicuramente come suo nipote scultore, Pierfrancesco (Pierino Da Vinci), morto a soli 23 anni nel 1523: Vasari ricorda che “da sé senza maestro”, Pierino iniziò “a disegnare et a fare […] fantoccini di terra” e poi, a soli 12 anni, entrò nella bottega fiorentina di un amico di Leonardo, Baccio Bandinelli.

Il libro riassume infine la vicenda del tentativo fallito di Leonardo a Milano per il grandioso monumento Sforza, rimasto di terra e infine distrutto, ed esemplifica le sculture di terracotta che pure altri autorevoli studiosi hanno attribuito a Verrocchio e allo stesso Leonardo, riferibili al tempo in cui l’artista di Vinci lavorava nella bottega del suo maestro e frequentava pure Bacchereto (come dimostra il suo autografo intorno al 1478). Il capitolo su Leonardo scultore e la “terra da far boccali” si conclude con il tema dei disegni leonardiani non solo della forma di terracotta per stoviglie, ma persino di geometrie “optical” e nodi vinciani anche per la ceramica: una ricerca tuttora in progress.

Maria Chiara Bettini, archeologa, responsabile scientifico del Museo Archeologico di Artimino, illustra le riscoperte archeologiche nel Comune di Carmignano quindi nei dintorni di Bacchereto, precedenti a Leonardo, illustrando l’area archeologica di Pietramarina e le testimonianze di Artimino e Comeana. Aree che sicuramente sono state ampiamente frequentate dal giovane Leonardo. Si è occupata con Giovanni Roncaglia dell’allestimento della sezione di Bacchereto del Museo di Artimino dedicata alla sezione delle maioliche di Bacchereto.

Giovanni Roncaglia, archeologo medievista, sintetizza il tema suggestivo della riscoperta della produzione ceramica a Bacchereto da dove si era sviluppata soprattutto nei decenni precedenti e negli anni di Leonardo, poi scomparsa e dimenticata. Ricostruisce persino l’elenco delle fornaci attive in almeno otto località di Bacchereto, con la presenza di almeno sessantotto fornaciai, ed evidenzia come alcuni fornaciai baccheretani, in particolare Giunta di Tugio, abbiano avuto un ruolo significativo nella Firenze del Rinascimento. Le loro opere si conservano in prestigiosi musei europei, da Londra a San Pietroburgo, e persino negli USA e in Australia. In uno scavo a Firenze, dove si trovava la fornace del baccheretano Giunta di Tugio, sono stati ritrovati reperti che attestano una collaborazione certa tra lui e Luca Della Robbia.