In arrivo 1,6km di nuovi marcipiedi a La Serra

Sarà aperto dopo l’estate il cantiere per la realizzazione dei nuovi marciapiedi a La Serra. Un investimento da oltre 130 mila euro per restituire alla frazione carmignanese 1,6 chilometri di marciapiedi. Nello specifico, verranno rifatti completamente i marciapiedi di piazza De Coubertin, via dello Sport, via Meazza, via F. Coppi, via delle Olimpiadi. Attualmente i marciapiedi sono fortemente deteriorati e presentano buche e avvallamenti, per questo verranno completamente demoliti. Si procederà quindi al rifacimento del sottofondo e alla sostituzione dei cordonati laterali. Verranno anche revisionate le caditoie e bocche di lupo, provvedendo alla loro pulizia, sostituzione o integrazione, al fine di regimare al meglio lo smaltimento dell’acqua piovana in tutta la zona. Verranno infine demolite le attuali zanelle in bitume, che verranno sostituite con zanelle in porfido.

Accanto ai marciapiedi, l’intervento prevede anche opere collaterali. Lungo via Dello Sport, in prossimità dell’incrocio con via F. Coppi, la carreggiata stradale risulta sconnessa e pericolosa per la circolazione veicolare, si provvederà quindi al suo ripristino al fine di riportare il tratto di strada in condizioni sicure di utilizzo. Dato che la zona oggetto di intervento risulta priva di attraversamenti pedonali, si provvederà a realizzarne 4 in altrettante zone ritenute idonee allo scopo e concordate con la Polizia Municipale in base alle normative vigenti in materia, compresi di segnaletica verticale di preavviso e appositi sbassamenti del marciapiede. A fine intervento si provvederà, inoltre, a ripassare la segnaletica orizzontale ove necessario.

 “Con questo progetto – spiega il sindaco Edoardo Prestanti – intendiamo mettere in sicurezza la circolazione pedonale nelle strade de La Serra, una frazione piccola ma molto importante, i cui marciapiedi avevano bisogno da anni di un intervento serio”.

 “Durante l’autunno vedremo aperto il cantiere – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Stefano Ceccarelli – e non ci saranno particolari disagi per la circolazione. Verrà infatti chiusa una corsia alla volta con senso unico alternato, così da garantire sempre il traffico regolare”.

Salgono a 40 le telecamere di videosorveglianza

Grazie a 18.000 euro di fondi del bando nazionale per la videosorveglianza, sono state installate 8 nuove telecamere sul territorio comunale, facendo salire a 40 il numero complessivo, per incrementare le misure di tutela del territorio.

Nello specifico, sono state aggiunte 2 telecamere di contesto e 6 telecamere con targa alert system, in grado di rilevare il numero di targa delle autovetture e di verificare in tempo reale se il veicolo è in regola con assicurazione e revisione, oltre ad inviare alle forze dell’ordine una segnalazione per eventuali auto rubate o sospette.

Attualmente le 6 nuove telecamere a lettura targhe sono state posizionate nei seguenti punti:
-Stazione di Carmignano (nuova installazione)
-Località Camaioni (nuova installazione)
-Semaforo all’incrocio tra via Vergheretana e via Madonna del Papa (nuova installazione)
-Autovelox di Seano (sostituisce la telecamera già esistente)
-Tangenziale ponte Ombrone (sostituisce la telecamera già esistente)
-Fermata bus Seano via Statale (sostituisce la telecamera già esistente)
Le due nuove telecamere di contesto sono invece state installate al Museo di Artimino.

La rete completa delle telecamere permette adesso di coprire tutti gli accessi al territorio comunale, oltre ai luoghi più sensibili come piazze ed incroci principali.
Nello specifico, dal 1 al 7 luglio è stato rilevato il transito di oltre 400 mila veicoli dai varchi di accesso ed uscita dal comune. La telecamera di Seano (Ombrone) dal 1 al 7 luglio ha rilevato il passaggio di 131 mila veicoli. Numeri che crescono notevolmente in altri periodi dell’anno.

“Quattro anni fa siamo partiti con il progetto di videosorveglianza – spiega l’assessore ai lavori pubblici Stefano Ceccarelli – ed abbiamo sfruttato la difficile morfologia del territorio a nostro vantaggio, posizionando le antenne per la ricezione dei dati delle telecamere nelle zone collinari. Per posizionare le nuove telecamere intelligenti abbiamo seguito i consigli delle forze dell’ordine, che hanno un occhio più attento sui luoghi più sensibili del territorio”.

Polizia Municipale e Carabinieri hanno accesso alle immagini delle telecamere, non solo dall’apposito portale informatico, ma anche direttamente dal telefono cellulare. Questo permette agli agenti di accedere alle telecamere anche quando sono di pattuglia.

“All’inizio del mandato – aggiunge il sindaco Edoardo Prestanti – ci eravamo dati l’obiettivo di monitorare i mezzi in entrata e uscita dal comune: siamo arrivati ad avere una copertura completa con doppia valenza. Da un lato il contrasto ai fenomeni criminali, dall’altro il controllo delle targhe: uno strumento di grande supporto all’operato delle forze dell’ordine”.

Nuovo campino alla pista rossa

È stata avviata l’opera di riqualificazione del campo da calcetto che si trova nei giardini pubblici della Pista Rossa di Seano. Un intervento complessivo di circa 40 mila euro, per una completa messa a nuovo del campo sportivo.

Tutta la superficie del campino verrà completamente rinnovata, togliendo innanzitutto il vecchio manto di erba sintetica ormai consunto. Verrà poi realizzato un sottofondo in calcestruzzo, studiato per garantire una maggiore stabilità del fondo e favorire il corretto deflusso dell’acqua piovana. Il fondo in cemento, rispetto a quello in erba sintetica, è più residente all’usura e alle intemperie, risultando quindi più adatto a questo campo, molto esposto e soprattutto utilizzato quotidianamente e in tutte le stagioni dell’anno.

“Il campo della Pista Rossa – commenta il sindaco Edoardo Prestanti – è un luogo frequentato ogni giorno dai ragazzi di Seano, ma anche delle altre zone del territorio comunale e dei comuni limitrofi. È un punto d’aggregazione importante, che merita di essere tenuto al meglio. Dopo tanti anni, il fondo era ormai deteriorato e i nostri giovani chiedevano che fosse rinnovato. Prevedevamo da tempo questo intervento e finalmente possiamo offrire ai nostri giovani un campino nuovo di zecca dove giocare e socializzare”.

Piazze dei cittadini: arriva la pedonalizzazione estiva

Il Comune di Carmignano ha deliberato di istituire in via temporanea e sperimentale, quattro aree pedonali urbane a Carmignano, Seano e Comeana, nei fine settimana tra il 3 luglio e il 6 settembre. L’obiettivo della misura è quello di sostenere la ripartenza dopo il periodo di lockdown, autorizzando la concessione di suolo pubblico a favore degli esercizi pubblici ed agevolando così le possibilità di fruizione dei luoghi pubblici da parte della cittadinanza. Dopo gli investimenti delle scorse settimane per sostenere imprese, commercio e famiglie, adesso il Comune si dedica ai cittadini restituendo valore alla socialità.

Nello specifico, saranno rese pedonali le seguenti piazze:

  • Piazza Vittorio Emanuele II (Carmignano): dal venerdì alla domenica dalle 20.30 alle 24;
  • Piazza G. Matteotti (Carmignano): dal venerdì alla domenica dalle 20.30 alle 24;
  • Piazza IV Novembre (Seano): dal venerdì alla domenica dalle 19.30 alle 24;
  • Piazza Cesare Battisti (Comeana): dal venerdì alla domenica dalle 19.30 alle 24.

“Sta cominciando un’estate particolare, diversa dalle ultime che abbiamo vissuto”, afferma il sindaco Edoardo Prestanti. “L’emergenza Covid-19 ha portato all’annullamento di alcune consuete iniziative estive, che erano solite caratterizzare i nostri luoghi pubblici durante l’estate, ma nonostante questo ci siamo impegnati per mettere in piedi un calendario di eventi che potessero svolgersi con le modalità imposte dalla normativa attuale. Vogliamo però dare anche agli esercenti, alle associazioni, a tutta la cittadinanza la possibilità di riprendersi quegli spazi e quei momenti di socialità che a lungo sono stati limitati. Per questo abbiamo scelto di pedonalizzare le piazze nelle sere del fine settimana. Ora lanciamo l’invito: rendiamole vive insieme!”.

In arrivo 2 Nuove piste ciclabili e un ponte sulla furba

Nella prima metà di luglio prenderanno il via i lavori per il secondo ed ultimo lotto della ciclopista sull’argine del torrente Furba, a Seano. Questo tratto della pista ciclabile partirà da via Don Minzoni e si estenderà fino a raggiungere l’area industriale del Ficarello. Quest’ultimo lotto della ciclabile di Seano permetterà di raggiungere il punto del torrente Furba nel quale sorgerà, il prossimo anno, la passerella ciclopedonale che collegherà la rete di ciclovie carmignanesi con quelle di Poggio a Caiano. Proprio in questi giorni sono in corso i saggi sugli argini della Furba, dove il prossimo anno sorgerà il ponte tra Seano e Poggetto: uno snodo cruciale per la rete della viabilità sostenibile della piana.

Sempre nel mese di luglio, partiranno i lavori per la realizzazione della ciclopista dell’Ombrone, denominata “Via degli Etruschi”, a Comeana. In questo caso il lotto dei lavori sarà unico e si estenderà dal confine con il Comune di Poggio a Caiano, sulla testa dell’argine del torrente, fino al parcheggio di via Montefortini, percorrendo via Lombarda e via Etrusca. Entrambi i cantieri saranno aperti durante il mese di luglio e nella seconda parte dell’estate sarà già possibile pedalare sui nuovi tratti.

“Procediamo con la realizzazione delle ciclopiste – afferma l’assessore all’ambiente Federico Migaldi – e quest’estate faremo fare un grande passo in avanti alla viabilità lenta del nostro Comune. I collegamenti ciclopedonali diventano sempre più importanti per consentire una mobilità sostenibile nella piana e la rete del nostro Comune ne costituisce un tassello fondamentale”.

Cura del territorio: arrivano i “nonni del verde”

Con la riapertura degli spazi pubblici dopo il lockdown, si rafforza la cura del territorio e la tutela dell’ambiente. A fianco agli sfalci del verde, regolarmente proseguita anche durante le settimane di quarantena grazie al lavoro di giardinieri del comune, il territorio comunale vedrà anche una serie di interventi specifici di pulizia grazie agli anziani che si occupano di servizi socialmente utili.

Sono 52 in totale gli uomini e donne delle associazioni ADA, AUSER e ANTEAS che svolgono servizi socialmente utili sul territorio comunale, grazie al progetto intercomunale sottoscritto insieme al Comune di Poggio a Caiano. I servizi spaziano da quelli legati all’ambiente – come la pulizia dei luoghi pubblici o la consegna dei sacchi della raccolta porta a porta – a quelli di supporto logistico e di manutenzione, come l’apertura e chiusura dei cimiteri, della Rocca e di altri luoghi pubblici, o della manutenzione del parco museo Quinto Martini. Fondamentale il supporto di questo servizio alle scuole, che comprende lo sporzionamento dei pasti alla mensa, l’accompagnamento sullo scuolabus e il ruolo di “Nonno vigile”. Durante le settimane d’emergenza tutti i servizi gestiti dagli anziani erano stati sospesi per tutelarne la salute. Con la riapertura del 4 maggio sono ripresi quei servizi che potevano essere svolti senza rischi per la salute.

Fra gli altri servizi, quattro persone svolgevano il ruolo di “Nonno vigile”, che come tutti i servizi legati alla scuola era stata tra le prime ad essere sospese e non riprenderà fino al prossimo anno scolastico. Sono quattro i “nonni vigile” che, in accordo con il comandante della polizia municipale Rolando Palagini, hanno cambiato la propria mansione per contribuire a dare un volto nuovo a punti significativi del territorio. Rispettivamente, si dedicano adesso alla pulizia di Viale Parenti, vialetto Padre Bocci e tutta la zona della Scuola Media; del parco dell’Ombrone e vialetto della Poesia; della Pista Rossa e i parcheggi limitrofi; della ciclopista della Furba e del Parco Museo, sia per il lavaggio delle sculture che per il parcheggio.

“La cura del nostro territorio – dice l’assessore al sociale e all’ambiente Federico Migaldi – è tra le chiavi della ripartenza dopo il lockdown, che ha limitato la possibilità degli interventi regolari. I luoghi che saranno tenuti puliti grazie a questi servizi sono tra i più frequentati dai cittadini ed hanno bisogno di una cura particolare. Inoltre in questo periodo in tanti hanno sofferto dell’inattività imposta dalla quarantena, soprattutto quegli anziani che svolgevano servizi legati alla scuola e che quindi sono stati tra i primi a dover sospendere l’attività. Oggi ritrovano l’opportunità di impiegare del tempo per il bene di tutta la comunità carmignanese”.

Dopo i primi giorni di servizio di pulizia dei luoghi pubblici, arriva la segnalazione degli anziani: “Ogni giorno troviamo mascherine a terra”. Un problema, quello delle mascherine usa e getta – che come si legge nell’ordinanza della Regione Toscana n. 26 del 6/4/2020, devono essere conferite nel rifiuto indifferenziato – su cui l’amministrazione tiene a sensibilizzare. “Non è accettabile questa inciviltà”, commenta il sindaco Edoardo Prestanti. “La cura del territorio dipende da ciascuno di noi, a partire dal corretto smaltimento delle mascherine, che in questi mesi dobbiamo usare quotidianamente. Colgo l’occasione per stimolare all’utilizzo delle mascherine lavabili e riutilizzabili, come segno tangibile di cura per l’ambiente in cui viviamo”.

Via ai lavori di manutenzione a giochi e arredi dei giardini: 40 mila euro d’investimento

È partita l’opera di manutenzione straordinaria e di adeguamento alle normative vigenti, sulle attrezzature ludiche e arredi urbani installati presso cinque aree a verde pubblico e scuole dell’infanzia, per un valore di 40 mila euro.

Sia in alcuni giardini pubblici, sia nei giardini delle scuole dell’infanzia comunali, sono presenti arredi e attrezzature per il gioco (altalene, torri scivolo e multigioco, panchine, tavoli da pic-nic, etc) che necessitano di restauro. Al fine di mantenere le attrezzature in perfetta efficienza e garantirne l’utilizzo in sicurezza, sono necessarie alcune opere di manutenzione, in particolare la carteggiatura e verniciatura delle parti in legno. In alcuni casi sono necessari interventi di riparazione e installazione di pezzi di ricambio. Verrà anche controllata la stabilità di tutte le strutture.

“Avevamo promesso di occuparci ogni anno della riqualificazione di almeno un giardino pubblico”, commenta il sindaco Edoardo Prestanti. “Quest’anno ridiamo un volto nuovo a cinque aree verdi, con un occhio particolare alle scuole. Con questi interventi i giardini saranno più belli e più sicuri, cosicché non appena le normative di contrasto al Covid-19 ci permetteranno di riaprirli all’utilizzo libero, i nostri bambini potranno trovare luoghi ancora più accoglienti per giocare. I giardini sono la casa di tutti, quegli spazi aperti alle famiglie che vogliamo sempre mantenere al meglio”.

In particolare, queste sono le cinque le aree gioco oggetto dei lavori, con i relativi interventi:

  • Giardini di Via degli Ulivi a Carmignano: carteggiatura, stuccatura e verniciatura dei tavoli da picnic in legno con sostituzione degli elementi deteriorati.
  • Giardini di Via Beethoven a Comeana: carteggiatura, stuccatura e verniciatura di tutti gli arredi urbani e di tutte le attrezzature ludiche con sostituzione degli elementi deteriorati. Verranno rimossi una torre-scivolo ed una altalena non più recuperabili, provvedendo alla loro sostituzione con la fornitura e posa di strutture similari.
  • Giardini della scuola dell’infanzia di Poggio alla Malva: carteggiatura, stuccatura e verniciatura di tutti gli arredi urbani e di tutte le attrezzature ludiche con sostituzione degli elementi deteriorati oltre alla sistemazione del cordonato di contenimento dell’area gioco in gomma colata. Verranno rimossi uno scivolo, due pannelli attività e cinque giochi a molla non più recuperabili, provvedendo alla loro sostituzione con la fornitura e posa di strutture similari.
  • Giardini della scuola dell’infanzia di Santa Cristina a Mezzana: carteggiatura, stuccatura e verniciatura di tutti gli arredi urbani e di tutte le attrezzature ludiche con sostituzione degli elementi deteriorati.
  • Giardini della scuola dell’infanzia di Bacchereto: carteggiatura, stuccatura e verniciatura di tutti gli arredi urbani e di tutte le attrezzature ludiche con sostituzione degli elementi deteriorati. Verrà rimosso il pergolato con relativa pavimentazione in legno adibito ad “aula verde” per attività didattiche all’aperto, in evidente stato di marcescenza e non più recuperabile, provvedendo alla sua sostituzione con la fornitura e posa di una struttura similare in acciaio zincato verniciato completa di pavimentazione in gomma montata su massetto in cls e teli parasole.

20 giugno: giornata del rifiugiato

L’installazione artistica di Piero Mazzoni per ricordare Sacko Soumaila, il bracciante invisibile.

2 Giugno 2018. Lo hanno visto volare giù dal tetto di una vecchia fabbrica abbandonata a S.Calogero nel Vibonese. Sacko Soumaila, giovane bracciante africano del Mali, morto a colpi di fucile mentre cercava qualche vecchio pezzo di lamiera per aiutare due connazionali a costruire una baracca. Sono passati due anni e ancora nessuna giustizia è stata fatta a seguito di questo gesto che va al di sopra della natura umana.

E’ così che la lamiera diventa il simbolo delle baracche dove tutti i Sacko sono costretti a vivere. Oggi, il pittore Piero Mazzoni, cittadino di Carmignano, ha fatto di quel simbolo la sua “tela” dove gli occhi del ventinovenne raccoglitore di pomodori maliano ci guardano inesorabilmente. Lo sguardo di un uomo morto ammazzato per un pezzo di bandone.

L’Assessore alla Pace e alle Interculture, Stella Spinelli, ha scelto proprio”il bandone” di Piero Mazzoni per celebrare la Giornata mondiale del rifugiato, fissando la sua prima presentazione alla cittadinanza per Sabato 20 Giugno alle ore 17.00 alla Pista Rossa di Seano, dove potrà essere ammirato fino al 5 luglio.

Dal 2001, a seguito di una risoluzione dell’Onu, il 20 Giugno è divenuta la giornata dedicata ai rifugiati, per riaffermare i valori sui quali sono basati gli accordi internazionali in materia di protezione dei rifugiati e per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sofferenze degli esuli e sostenere gli sforzi delle organizzazioni impegnate nella loro accoglienza. La Giornata emerge in questo momento storico ancor più importante poiché, a causa della pandemia Covid-19 e del conseguente lockdown, in molti paesi i rifugiati sono rimasti isolati, privi di risorse economiche e spesso senza accesso a ogni tipo di assistenza.

Il Comune di Carmignano vuole ricordare la Giornata mondiale del rifugiato e al contempo richiamare l’attenzione di tutti sulla emergenza che sta attraversando il sistema d’accoglienza italiano, sia per quanto riguarda le questioni aperte relative ai profughi della cosiddetta Emergenza Nord Africa, che per l’incertezza sul futuro della accoglienza nel nostro paese.

Sabato 20 giugno 2020 ore 17.00 – Pista Rossa di Seano “Sacko” Il bracciante invisibile Inaugurazione dell’opera artistica di Piero Mazzoni , alla presenza dell’artista, del Sindaco Edoardo Prestanti e dell’Assessore alla Pace e Interculture Stella Spinelli

La cittadinanza è invitata a partecipare muniti di mascherine.

Lo sportello “Ti ascolto” proseguirà fino a fine anno

Proseguirà fino a dicembre 2020 il servizio gratuito dello sportello “Ti ascolto”, cominciato lo scorso 12 aprile grazie alla disponibilità della dottoressa Alice Palloni, psicoterapeuta che per due giorni alla settimana ha ascoltato le problematiche dei cittadini nate a causa del Covid-19. Lo sportello d’ascolto psicologico è nato con l’obiettivo di intercettare i bisogni dei cittadini, promuovere azioni di prevenzione, attivare risposte utili per accompagnare le persone fragili o in difficoltà, verso il recupero della propria autonomia.

“Ho registrato numerose chiamate da parte degli abitanti del comune – spiega la dottoressa – che hanno messo in evidenza sia il peggioramento delle situazioni emotive di chi soffriva di disturbi pregressi, sia l’insorgere di nuove situazioni di angoscia e forte preoccupazione per la situazione critica in atto”. La percentuale maggiore delle telefonate sono pervenute dal pubblico femminile, tra i 20 e i 65 anni, ma le richieste d’assistenza psicologica hanno visto protagoniste diverse tipologie di persone. Disoccupati, casalinghe e giovani madri, ma anche pensionati, studenti universitari ed operatori di RSA. L’incertezza economica per il futuro è la preoccupazione più diffusa, tuttavia i motivi delle chiamate hanno spaziato dall’ansia e paura per la salute al senso di abbandono e solitudine. “Qualcuno ha telefonato perché positivo al Covid-19 e in questi casi il problema principale era la difficoltà ad avere la giusta assistenza sanitaria”, aggiunge Alice Palloni. “Con le varie problematiche emerse dalle telefonate, il mio aiuto è stato mirato a cercare di stimolare le persone a trovare delle risorse dentro loro stesse. Le ho aiutate a ricontattare i propri sogni e desideri e ad affrontare il dolore ed il vuoto con una modalità diversa da quella di sentirsi vittima della situazione”.

Il servizio è nato nella situazione di piena emergenza, come misura di protezione civile, ma viste le numerose telefonate pervenute, la psicoterapeuta terrà attivo lo sportello almeno fino alla fine dell’anno. Da ora “Ti ascolto” sarà attivo una volta alla settimana, ogni mercoledì, e sarà possibile usufruire di due telefonate gratuite della durata di 30 minuti. Per prenotare l’appuntamento, è necessario chiamare il numero 334.5080915.

“Nel periodo di lockdown – commenta l’assessore alla protezione civile Stella Spinelli – questo servizio si è rivelato fondamentale. L’emergenza in cui ci siamo trovati ha colpito duramente molti aspetti della vita delle persone e il supporto psicologico ha acquisito una rilevanza particolare. Purtroppo tante difficoltà e questioni emerse in queste settimane avranno conseguenze lunghe e per questo ringrziamo Alice Palloni per la disponibilità a mantenere attivo lo sportello nei prossimi mesi. Tante situazioni sociali che si sono generate a causa del Covid-19 troveranno qui una prima risposta da cui ripartire”.

Risparmi energetici fino al 30%: affidato a Consiag il Servizio Energia e di manutenzione degli impianti termici

Resta sempre alta l’attenzione dell’amministrazione comunale di Carmignano sul fronte della green economy. Il Consiglio comunale ha infatti deliberato l’affidamento in “house providing” a Consiag Servizi Comuni dell’attività di Servizio Energia e di conduzione e manutenzione degli impianti termici presenti negli edifici comunali. “Un accordo importante, della durata di sei anni, che porterà ad avere risparmi energetici pari al 30% del nostro attuale fabbisogno, con un’importante riduzione dell’emissione di Co2 e conseguenti minori costi – ha detto il sindaco Edoardo Prestanti -. Non solo, sarà così possibile fare una mappatura energetica di tutti i nostri impianti, requisito fondamentale per partecipare a bandi regionali, nazionali o europei, volti a reperire fondi da investire poi sul fronte delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico”. Nello specifico il Comune ha affidato a Consiag il servizio energia che comprende l’acquisto di combustibile e la manutenzione ordinaria e straordinaria delle centrali termiche di tutti gli edifici comunali (scuole, impianti sportivi e palazzo comunale). Consiag ha poi il ruolo di Terzo responsabile. L’affidamento comprende anche tutti i servizi tecnici collaterali quali telecontrollo 24 ore su 24, redazione dell’attestazione di prestazione energetica e diagnosi energetiche, ottenimento e accertamento di certificati per la prevenzione incendi delle centrali termiche. Certificazioni queste essenziali per poter partecipare a bandi e richiedere così contributi per l’efficientamento energetico degli impianti.